Agenzia DOLCI SOGNI by Coop. Soc. IL SOGNO a r.l.
Autorizzato Prov. Roma R.U. 1333 del 02/04/2012
 
MODALITÁ DI PAGAMENTO


C5 per mille alla Coop. soc. Il Sogno
Corsi a Roma
Visite guidate con permesso speciale Roma
 
 

. Romeguide - La guida di Roma  
  telefono 06.85301758 - fax 06.85301756 - EmailEmail: ilsogno@romeguide.it
Coop. soc. IL SOGNO arl - Viale Regina Margherita 192 - 00198 ROMA
. la guida online piu' completa di Roma
DOVE DORMIRE divisore TOURS DI ROMA divisore MOSTRE divisore MUSICA divisore TEATRI divisore VATICANO divisore VISITE GUIDATE divisore SPECIALE GRUPPI
spazio
TEATRI
spazio

VITTORIA
Piazza S. Maria Liberatrice, 8/11 (Testaccio)

LA LUNA DI PATMOS - Piazza Fontana, 12 dicembre 1969

dal 26/11/2020 al 06/12/2020

RICHIESTA INFORMAZIONI
Email:
Tel.(facoltativo):

*per avere anche conferma telefonica.
.
n. PaxData richiesta:

Richiedi altre informazioni

La prenotazione è soggetta a conferma


Call Center Coop. Soc. IL SOGNO a r.l.
Lunedì - Venerdì: ore 9-19
Sabato ore 10-14
Domenica chiuso

Per prenotazioni:
Cooperativa Sociale
IL SOGNO a.r.l.
Viale Regina Margherita, 192
00198 ROMA
Tel. 06.85301758
Fax 06.85301756
service@romeguide.it


...
maggiori informazioni sull´evento

PREZZI BIGLIETTI
Platea € 30.00
Galleria € 24.00
N.B. PREZZI COMPRENSIVI DI COMMISSIONE DI AGENZIA


   INFO EVENTO:


La Luna di Patmos
Piazza Fontana, 12 dicembre 1969

di Gianni Clementi

con Stefano Messina
regia Stefano Messina e Chiara Bonome
musiche M° Pino Cangialosi

Produzione Attori & Tecnici

Dal 26 novembre al 6 dicembre 2020
Lun-Mar-Gio-Ven-Sab | ore 21:00
Mer | ore 17:00
Dom | ore 17:30

A più di cinquant’anni dalla strage di Piazza Fontana un racconto per parole e musica, emozionale, suggestivo, su una delle vicende più inquietanti dell’Italia del dopoguerra, che diede l’avvio a un attacco eversivo contro la Repubblica. Una ferita non ancora rimarginata, viva, una bomba inestinta che continuerà ad esplodere finché tutta la verità non sarà accertata. Quello che però sappiamo, conquiste parziali, incomplete ma significative, frutto dello sforzo e del lavoro di uomini e donne che hanno perseguito con fatica la verità, abbiamo oggi il dovere di ricordare e trasmettere alla società e alle nuove generazioni, per contrastare gli strateghi della paura di ieri, di oggi e di domani. 

Il monologo, nato dalla fertile e incisiva scrittura di uno dei più interessanti e prolifici drammaturghi contemporanei, e concepito e musicato come un’opera da uno dei maggiori compositori di musica di scena, è suonato dal vivo da un ensemble da camera di 5 elementi. Lo spettacolo non è il racconto, la cronaca o un ripercorrere i fatti e le vicende giudiziarie e di tutti i depistaggi e le coperture della prima strage di stato che di fatto non ha consegnato colpevoli alla giustizia. E’ un dialogo della coscienza, il tormento e il punto di vista personale di chi per un caso fortuito quella strage l’ha scampata. Infatti Giovanni, impiegato di una filiale della banca dell’agricoltura di Roma, e prototipo del qualunquista, il 12 dicembre si reca in missione a Milano. Non è solo una trasferta di lavoro. Giovanni, per la prima volta in vita sua, ha deciso di tradire sua moglie, con una collega di lavoro della filiale milanese della banca dell’Agricoltura di Piazza Fontana. Un contrattempo lo fa arrivare tardi all’appuntamento, salvandogli la vita. Per Giovanni, uomo qualunque, inizia un percorso interiore che lo spinge a scavare in sé stesso e soprattutto a cercare di capire il perché di tanta crudeltà. Un viaggio lungo cinquant’anni che lo conduce a scoprire la poetica di Pier Paolo Pasolini e le profezie apocalittiche dell’apostolo Giovanni, un bar pieno di fumo di Buenos Aires, i versi aurei di Pitagora e il mare cristallino di Patmos. Fondamentalmente il desiderio, la curiosità civile di un uomo che decide di riempire di significato la parola “Democrazia”.

meno informazioni
spazio
Invia a MySpace!