Agenzia DOLCI SOGNI by Coop. Soc. IL SOGNO a r.l.
Autorizzato Prov. Roma R.U. 1333 del 02/04/2012
 
MODALITÁ DI PAGAMENTO


UN REGALO DIVERSO: REGALA LE ATTIVITÀ DI GENTI E PAESI
C5 per mille alla Coop. soc. Il Sogno
Corsi a Roma
Visite guidate con permesso speciale Roma

Visite guidate con permesso speciale Roma
 
 

. Romeguide - La guida di Roma  
  telefono 06.85301758 - fax 06.85301756 - EmailEmail: ilsogno@romeguide.it
Coop. soc. IL SOGNO arl - Viale Regina Margherita 192 - 00198 ROMA
. la guida online piu' completa di Roma
DOVE DORMIRE divisore TOURS DI ROMA divisore MOSTRE divisore MUSICA divisore TEATRI divisore VATICANO divisore VISITE GUIDATE divisore SPECIALE GRUPPI
spazio
Presepe dei Netturbini
Via dei Cavalleggeri, 5 Roma
Tel.:06 636203
WWW
Come arrivare:
INFORMAZIONI GENERALI:

Museo:Presepe dei Netturbini
Tipologia: ALTRO
Indirizzo: Via dei Cavalleggeri, 5 Roma
Tel.:06 636203

Mostra permanente

Via dei Cavalleggeri, 5 - Roma

Dal 15 dicembre al 31 gennaio tutti i giorni dalle 08,00 alle 20,00

Dal 1 febbraio al 14 dicembre da lunedì a sabato dalle ore 09,00 alle 19,00
Domenica e festivi dalle 08,00 alle 11,30

Ingresso libero

Presepe dei Netturbini Presepe dei Netturbini Presepe dei Netturbini Presepe dei Netturbini Presepe dei Netturbini
Presepe dei Netturbini Presepe dei Netturbini Presepe dei Netturbini Presepe dei Netturbini Presepe dei Netturbini

Ideato e realizzato dal netturbino Giuseppe Ianni, con la preziosa collaborazione dei colleghi di zona Cavalleggeri, è stato definito «una gemma preziosa incastonata nel quartiere Aurelio, a pochi metri dal Vaticano».

"Farò il presepe più bello di Roma e verrà a vederlo anche il Papa".
Rispondeva così quarant'anni fa Giuseppe Ianni, allora netturbino della sede di zona Cavalleggeri, a chi gli chiedeva cosa stesse facendo.
"Inizialmente qualcuno mi guardava scettico, ma quando i colleghi si sono resi conto di quello che avrei voluto realizzare hanno sacrificato le ore libere anche fino a tarda sera per aiutarmi e così, in tre mesi, siamo riusciti a riprodurre una fedele miniatura della natività di Betlemme".
Così è nato il Presepe dei Netturbini, diventato in questi anni un piccolo capolavoro famoso nel mondo, una mostra permanente ma soprattutto un luogo di preghiera, visitato da romani e turisti anche in agosto, che ha avuto anche l'onore di ospitare il Beato Giovanni Paolo II e la Beata Madre Teresa di Calcutta".

È il presepe dei Romani, dei Papi, dei Netturbini.
Qualcuno dice che è il presepe del Papa perché Papa Wojtyla ne era innamorato; si ricordava tutti i particolari, quello che c’era e quello che non c’era.
Nell’arco degli anni, oltre due milioni di romani insieme a turisti, personalità istituzionali, religiose, capi di Stato e Pontefici hanno reso omaggio all’opera, raccogliendosi in preghiera dinanzi alle tipiche costruzioni della Palestina di 2000 anni fa.
Ben 2234 pietre, provenienti da tutto il mondo, incastonate sulle pareti esterne e sul basamento del presepe testimoniano il messaggio di pace e fratellanza della Natività e l’unione dei popoli.

Arricchito ogni anno di nuovi particolari, il Presepe dei Netturbini riproduce fin nei minimi dettagli lo stile delle tipiche costruzioni della Palestina di 2000 anni fa.
Uno scorcio di mondo incanta di anno in anno grandi e piccini: le 100 case, tutte illuminate, costruite con ingegnosa maestria in pietra di tufo e lastre di selce (sanpietrini) sono curate nei minimi dettagli con porte, finestre e balconcini.
Un caminetto fumante, 54 metri di strade in lastre di selce, 3 fiumi lunghi complessivamente 9,50 metri con 7 ponti e 4 acquedotti lunghi 18 metri e sostenuti da ben 38 arcate.
L'acquedotto più piccolo è realizzato in tufo romano, gli altri 3 con frammenti di marmo del colonnato e della facciata della Basilica di San Pietro, ricevuti nel 1979 grazie a S.
Eminenza il Cardinale Virginio Noé in occasione del restauro dello stesso colonnato berniniano.

Completano la Sacra Rappresentazione: 4 sorgenti d’acqua, 2 pareti umide che formano stalattiti, 1 pozzo con acqua sorgiva, 730 gradini, dei quali oltre 400 realizzati con il marmo proveniente dal colonnato di San Pietro e i restanti con pietre della Birmania, di Betlemme e degli storici Santuari di Greccio e di San Giovanni Rotondo.
24 grotte scavate nella roccia sono adibite a stalle o ripari per i pastori con le loro greggi, altre a magazzini contenenti damigiane di vino e di olio; 50 sacchi cuciti con maestria e donati al presepe da una nobile romana sono colmi di cereali, sale e farina.
La Colomba donata dalla pittrice Anna Minardo, in occasione dell’anno preparatorio al Giubileo dedicato allo Spirito Santo, è posta sopra la grotta al centro dei raggi realizzati in legno di ulivo di Betlemme (donato da padre Ibrahim Faltas, già custode della Basilica della Natività di Betlemme).
La calata di Angeli dal cielo e l’alternarsi del giorno e della notte rendono ancor più suggestivo lo scenario e il vasto paesaggio popolato da 270 personaggi, 163 pecorelle, 12 cammelli, 8 asinelli, 8 buoi e 4 cani.
Sopra la grotta della Natività un frammento del sacro Scoglio, ove Santa Rita da Cascia si inginocchiava in preghiera, donato nel marzo 2009 da Gino Emili, sindaco di Cascia.
Nella sala che ospita l’incantevole Presepe dei Netturbini si possono ammirare quattro grandi dipinti:
La Moltiplicazione dei pani e dei pesci di Carlo Riccardi e Maddy Battaglini;
Papa Giovanni Paolo II con i bambini dei 5 continenti di Simona Bellante, Salvatore Tedone e Carlo Riccardi;
Madre Teresa di Calcutta di Marta Cirillo e Carlo Riccardi


MUSEI DI ROMA

 ARCHEOLOGICI
 ARTISTICI
 NATURALISTICI
 STORICI
 TECNICO SCIENTIFICI
 ALTRO
 italiano


Ricerca un museo a Roma
Nome
Parola chiave