Agenzia DOLCI SOGNI by Coop. Soc. IL SOGNO a r.l.
Autorizzato Prov. Roma R.U. 1333 del 02/04/2012
 
TERMS OF PAYMENT

Hotels and Accomodations from 20 euro.
Booking online

or call +39 06 8530 1758
 
 

. Romeguide - La guida di Roma  
  telefono 06.85301758 - fax 06.85301756 - EmailEmail: ilsogno@romeguide.it
Coop. soc. IL SOGNO arl - Viale Regina Margherita 192 - 00198 ROMA
. the best guide of Rome
.
WHERE TO SLEEP divisore TOURS OF ROME divisore EXHIBITIONS divisore MUSIC divisore THEATER divisore VATICAN divisore GUIDED TOURS divisore SPECIAL GROUPS
spazio
Museo del Giocattolo a Zagarolo
Piazza Della Indipendenza, 6, 00039 Zagarolo RM
Ph.:06 95769405
WWW
As a result of the Prime Ministerial Decree of March 8, 2020, some social gathering places will remain closed to the public until new government provisions are issued.
Assessments are underway with the organizers on the methods to be adopted for the purpose of reprogramming the canceled events and / or any refund
For a refund please contact ilsogno@prenotaroma.it (ADVISE: valid only for customers who purchased through the Coop. Soc. IL SOGNO, in other cases it is necessary to contact the store where you purchased) thanks
how to reach:
GENERAL INFORMATION:

Museum:Museo del Giocattolo a Zagarolo
Type: VARIOUS
address: Piazza Della Indipendenza, 6, 00039 Zagarolo RM
Ph.:06 95769405

ORARIO

mart - Ven 9.00 - 13.00
Sab- dom 10.00 - 18.00

lunedì chiuso


COSTO DEL BIGLIETTO

Euro 5 intero
Euro 2.50 ridotto * per bambini di età compresa tra i 6 e i 12 anni e per i maggiori di 65 anni
Gratuito per i minori di 6 anni
Euro 135.00 per classe di max 25 alunni, comprensivo di visita guidata e attività didattica
Euro 85.00 per classe di max 25 alunni, comprensivo di visita guidata

Museo del Giocattolo a Zagarolo Museo del Giocattolo a Zagarolo Museo del Giocattolo a Zagarolo
Museo del Giocattolo a Zagarolo Museo del Giocattolo a Zagarolo

Il Museo del Giocattolo non vuole proporsi come mero custode passivo di pur storici e significativi reperti, bensì come contenitore vivo e ricco di iniziative per favorire riflessioni, creatività e fantasia, nostalgie e proposte, promuovendo ed ospitando attività culturali e didattiche, convegni, seminari, mostre temporanee, spettacoli.
Il percorso museale intende, dunque, raccontare, con la sua esposizione, non solo la realtà percepita attraverso la trasfigurazione della sensibilità infantile ma la nostra stessa memoria che, grazie a tale trasfigurazione, si snoda attraverso le forme dei magici oggetti che popolano le vetrine e gli spazi del museo.
I quadri espositivi rappresentano momenti della vita quotidiana: la città, la strada, la famiglia, le architetture, il lavoro, i trasporti vivono all’interno dello spazio insieme ai viaggi straordinari, alle gare automobilistiche, al circo ed al luna park.

Una particolare attenzione da parte del Museo è volta alla diffusione, presso le più giovani generazioni, del significato dei giocattoli esposti, che viene approfondito attraverso la scoperta delle caratteristiche tecniche, meccaniche e costruttive degli stessi.
E’ per tale motivo che una grande cura, anche organizzativa, viene dedicata ad attività didattiche e di laboratorio, nel corso delle quali vengono trasmesse le tecniche di costruzione di giocattoli, stimolando così la fantasia e l’abilità manuale dei più giovani.

Il Museo Demoantropologico regionale del Giocattolo di Zagarolo ha ampliato, progressivamente, nel tempo le sue collezioni.
In seguito all’ultima acquisizione del 2005, che gli ha conferito l’assetto attuale, è divenuto, sia per il numero di oggetti posseduti che per l’ampiezza degli spazi espositivi, il più grande museo del giocattolo in Italia e uno dei maggiori in Europa.
Tra i pezzi delle collezioni spiccano in particolar modo le bambole con la testa in biscuit, ma anche una rara interpretazione giapponese di cartapesta di questo giocattolo.
Della collezione fanno altresì parte i giochi didattici quali il Götischer Baustyl, anni ‘30 di fabbricazione tedesca e la dettagliata Drogheria in miniatura degli anni ’40 di fabbricazione italiana.
Sono inoltre presenti numerosi automi e gli animali meccanici, ma ben documentati anche i tricicli, le trottole, per non parlare dell’attrezzatura per l’intrattenimento come i proiettori cinematografici d’epoca e la lanterna magica.
Di grande pregio anche un gioco del domino nella scatola di legno originale.
Ad integrazione di questo nucleo originario furono inseriti dei teatrini della famosa collezione Signorelli.
La collezione Billig comprende invece giocattoli prodotti tra il 1900 e il 1960.
Nel tempo fu integrata con la collezione Peretz.
Inizialmente Lisa Billig e Franco Palmieri, prima della cessione al Comune di Zagarolo della loro collezione, avevano istituito La Memoria Giocosa, museo storico didattico di giochi e giocattoli del Novecento, che aveva sede a Roma nella zona del Pigneto.
Il museo romano, successivamente chiuso, si propose subito come centro divulgativo di cultura ludica.
E’ prerogativa di tutti i musei che si occupano di questo particolare settore associare alle raccolte un’intensa attività didattica e intrattenimenti di vario genere per l’infanzia.

Talmente vasta è la collezione di proprietà del Museo che di volta in volta solo una parte di essa può essere in esposizione.
Per offrire al pubblico un quadro più ampio e sempre nuovo del patrimonio museale ciclicamente vengono alternate le sezioni esposte con quelle in deposito.


MUSEUMS IN ROME

 ARCHAEOLOGICAL MUSEUM
 ART MUSEUM
 NATURALISTIC MUSEUM
 HISTORICAL MUSEUM
 SCIENTIFIC MUSEUM
 VARIOUS


Search a Museum in Rome
Name
Keyword