Agenzia DOLCI SOGNI by Coop. Soc. IL SOGNO a r.l.
Autorizzato Prov. Roma R.U. 1333 del 02/04/2012
 
MODALITÁ DI PAGAMENTO


UN REGALO DIVERSO: REGALA LE ATTIVIT└ DI GENTI E PAESI
C5 per mille alla Coop. soc. Il Sogno
Corsi a Roma
Visite guidate con permesso speciale Roma

Visite guidate con permesso speciale Roma
 
 

. Romeguide - La guida di Roma  
  telefono 06.85301758 - fax 06.85301756 - EmailEmail: ilsogno@romeguide.it
Coop. soc. IL SOGNO arl - Viale Regina Margherita 192 - 00198 ROMA
. la guida online piu' completa di Roma
DOVE DORMIRE divisore TOURS DI ROMA divisore MOSTRE divisore MUSICA divisore TEATRI divisore VATICANO divisore VISITE GUIDATE divisore SPECIALE GRUPPI
spazio
MOSTRE

«Italia in-attesa. 12 racconti fotografici»


Palazzo Barberini
dal 25-02-2021 al 13-06-2021
spazio

ORARIO INGRESSO

COSTO D´INGRESSO


RICHIESTA DISPONIBILITA'
Email :
Tel. (facoltativo)

*per avere anche conferma telefonica.
.
Data:
N. Pax
Richiedi altre informazioni

La prenotazione è soggetta a conferma

Call Center Coop. Soc. IL SOGNO a r.l.
Lunedì - Venerdì: ore 9-19
Sabato ore 10-14
Domenica chiuso



L’idea originaria, nata nei primi giorni del lockdown, un anno fa, fu quella di commissionare immagini inedite ad alcuni fotografi italiani di diversa generazione, con l’obiettivo di creare un archivio visivo dell’Italia durante l’emergenza sanitaria.

Ma quella che si è inaugurata il 24 febbraio a Palazzo Barberini, usufruendo di spazi finora poco o mai utilizzati — la Sala delle Colonne, l’ambiente Ovale di Bernini, le Serre affacciate sul giardino all’Italiana, che nel 2022 diventeranno un bar-caffetteria, o le ex cucine dove originariamente gli eccentrici Barberini tenevano un leone vivo — non è, se non in maniera marginale, una mostra che documenta o testimonia il deserto tipico di quei giorni. È piuttosto la risposta «autoriale», libera e personalissima, dei dodici «sguardi» selezionati, su invito, dal ministero della Cultura (Direzione generale creatività contemporanea e Istituto Centrale per il Catalogo e la Documentazione).

Titolo dell’antologica, «Italia in-attesa»...

pi├╣ informazioni>>

 

 

ORARIO INGRESSO

COSTO D´INGRESSO

 

     dal 25 febbraio al 13 giugno.

Orari: dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 18.

COOPERATIVA IL SOGNO
Viale Regina Margherita, 192 - 00198 ROMA
Tel. 06/85.30.17.58 Fax 06/85.30.17.56
Email: service@romeguide.it


DOVE SI TROVA:
COME ARRIVARE:

 

Ingresso intero (museo e mostra): 13 euro. La prenotazione individuale è consigliata e obbligatoria.

info e prenotazioni :

https://www.romeguide.it/spedformmostremobile.php



N.B.: Gli ingressi alle mostre - per non fare la fila - vanno pagati anticipatamente. Dopo il pagamento, verrà inviato via email biglietto elettronico o voucher

   Info Evento:

/strong> E i dodici sguardi sono quelli di Olivo Barbieri, Antonio Biasiucci, Silvia Camporesi, Mario Cresci, Paola De Pietri, Ilaria Ferretti, Guido Guidi, Andrea Jemolo, Francesco Jodice, Allegra Martin, Walter Niedermayr, George Tatge, selezionati al tempo da un comitato scientifico presieduto da Margherita Guccione.

La sospensione temporale, non di rado interiorizzata, il vuoto, paesaggi urbani ed extra-urbani, siti e luoghi della cultura, a volte i loro stessi ambienti o gli spazi prossimi alla quotidianità degli autori: ciascun fotografo ha dato vista a un progetto inedito e molto personale, in bianco e nero o a colori, spaziando tra generi, modalità, tecniche, fra tradizione e sperimentazione.

Il risultato è una sorta di coro a più voci in cento immagini, in bilico tra creazione (soprattutto) e attualità. «Italia in-attesa» — a cura di Guccione con Carlo Birrozzi e Flaminia Gennari Santori — è la prima parte di un progetto più ampio, dal titolo «2020 FermoImmagine» (prossima tappa la mostra «Città sospese. I siti italiani Unesco nei giorni del lockdown», a Palazzo Poli). Tutte le immagini prodotte entreranno a far parte delle collezioni pubbliche.

Entrando nello specifico delle poetiche, Barbieri sceglie la celebre Camera degli Sposi di Mantegna per una sua riflessione sui meccanismi della percezione. Guidi indirizza l’obiettivo verso i minimalia della quotidianità, Jodice con immagini satellitari inquadra quattro architetture simbolo della contemporaneità, Biasiucci, su un piano totalmente simbolico, affianca ceppi di alberi che evocano forme antropomorfe. I luoghi liberati dall’abituale scorrere del tempo, resi astratti e metafisici, sono la «macro» che accomuna molti lavori: Camporesi, i luoghi dell’infanzia; Tatge, i centri storici umbri; Martin, gli spazi della cultura milanese, Cresci, il micro-universo della sua casa di Bergamo; Niedermayr, i luoghi montanti; Jemolo, la Città Eterna; Ferretti, i centri storici danneggiati dal terremoto del 2016.

Meno info