Agenzia DOLCI SOGNI by Coop. Soc. IL SOGNO a r.l.
Autorizzato Prov. Roma R.U. 1333 del 02/04/2012
 
MODALITÁ DI PAGAMENTO


UN REGALO DIVERSO: REGALA LE ATTIVIT DI GENTI E PAESI
C5 per mille alla Coop. soc. Il Sogno
Corsi a Roma
Visite guidate con permesso speciale Roma

Visite guidate con permesso speciale Roma
 
 

. Romeguide - La guida di Roma  
  telefono 06.85301758 - fax 06.85301756 - EmailEmail: ilsogno@romeguide.it
Coop. soc. IL SOGNO arl - Viale Regina Margherita 192 - 00198 ROMA
. la guida online piu' completa di Roma
DOVE DORMIRE divisore TOURS DI ROMA divisore MOSTRE divisore MUSICA divisore TEATRI divisore VATICANO divisore VISITE GUIDATE divisore SPECIALE GRUPPI
spazio
MOSTRE
Bianca Attolico Nel Salotto d' Arte di una collezionista
Casino dei Principi di Villa Torlonia
dal 22-10-2020 al 17-01-2021
spazio

ORARIO INGRESSO

COSTO D´INGRESSO


RICHIESTA DISPONIBILITA'
Email :
Tel. (facoltativo)

*per avere anche conferma telefonica.
.
Data:
N. Pax
Richiedi altre informazioni

La prenotazione è soggetta a conferma

Call Center Coop. Soc. IL SOGNO a r.l.
Lunedì - Venerdì: ore 9-19
Sabato ore 10-14
Domenica chiuso



La passione per l’arte veniva da lontano.
Da Tommaso Lucherini, padre di Bianca (Bianca Lucherini da ragazza, poi Attolico dopo il matrimonio con un avvocato), grande medico che iniziò a raccogliere opere importanti specie della Scuola Romana.
La passione di Tommaso fu evidentemente molto forte perché permeò molto in tutti i rami della famiglia. Tommaso ebbe tre figli: Enrico Lucherini, forse il più celebre press agent di tutti i tempi, Bianca appunto, e Mario la cui figlia Benny Lucherini è a sua volta una importante collezionista.
Una dinastia di figure attente al mondo dell’arte (sono peraltro collezionisti anche Lorenzo e Elena, i figli di Bianca) che oggi perde una colonna portante.
Il primo nucleo della sua collezione fu ereditato quindi da suo padre Tommaso, che le aveva dato avvio alla fine della Guerra. Fin da adolescente, Bianca Attolico visitava con lui le gallerie, vedeva quadri e entrava in contatto con gli artisti che frequentavano abitualmente la sua casa: l’arte nella sua vita entrò in modo naturale, e lei a sua volta l’ha trasmessa a figli e nipoti, credendo fermamente nell’importanza del racconto...

più informazioni>>

 

 

ORARIO INGRESSO

COSTO D´INGRESSO

 

Dal martedì alla domenica dalle 9.00 - 19.00 Giorni di chiusura: lunedì, 25 dicembre, 1 gennaio


DOVE SI TROVA:
COME ARRIVARE:

 

Intero € 14,00 - Ridotto € 12,00

N.B.: Gli ingressi alle mostre - per non fare la fila - vanno pagati anticipatamente. Dopo il pagamento, verrà inviato via email biglietto elettronico o voucher

   Info Evento:

br> Pirandello, Donghi, Ziveri, Mafai, Carrà, Morandi, Campigli, i pittori dell’arte figurativa italiana della metà del ‘900: questi erano gli autori presenti nella sua collezione quando, negli anni ’60, erede di un patrimonio preziosissimo, prosegue l’ampiamento della raccolta, aprendosi ad artisti dell’avanguardia, come Kounellis, Pascali, Schifano, Fontana e Manzoni con opere spesso sensazionali, uniche.
Testimone del cambiamento dei tempi e del sistema dell’arte – dominato sempre più da grandi galleristi e dal dio denaro, come ha dichiarato più volte – non ha mai perso nel tempo quella purezza di sguardo e quella totale libertà di spirito, che si riverbera ancora oggi nella sua collezione, tutta ospitata a casa in Via dei Monti Parioli a Roma, che nell’ultimo decennio si è arricchita di tante opere di artisti più giovani: da Vik Muniz a Sislej Xhafa, da Cristiano Pintaldi a Nicholas Hlobo, da Bruno Ceccobelli a Stefano Arienti, da Nunzio a Enzo Cucchi.
Il suo salotto è stato per lunghi anni un luogo di riferimento per la comunità artistica romana e non solo.
Capace di una trasversalità unica. Pieno in egual misura di potenti e di artisti scapestrati, di giovani e di vecchie glorie. Una ecumenicità che Bianca ricercava con cura e attenzione, maniacalmente desiderosa di apparire – come era – aggiornata e in linea con le ultime novità, i personaggi più curiosi e interessanti.
Con la sua scomparsa finisce indubbiamente un’epoca e un modo specifico e peculiare di far stare insieme gli attori che compongono la grande recita del sistema dell’arte: collezionisti, galleristi, mercanti, politici, intellettuali, artisti. Lei ci riusciva, oltretutto in maniera naturale. E il tutto, seppur in forma diversa, si replicava a Spoleto buon ritiro estivo.
Sempre con al fianco l’inseparabile amica Carla.
Meno info