Congressi a Roma
Palazzo Patrizi
Piazza di S.Luigi de´ Francesi

Zona:

Città: Roma

Condividi Piazza di S.Luigi de´ Francesi prende il nome dalla omonima chiesa (nella foto sopra) che quivi sorge, ma un tempo, prima della costruzione della chiesa, era denominata piazza Saponara, dai fabbricanti di sapone che si [1 Statua di Carlo Magno] erano stabiliti in questa zona. La storia della chiesa inizia nel 1478, allorché papa Sisto IV donò alla Colonia Francese di Roma una parrocchia che fu dedicata alla Concezione della Beata Vergine Maria, a S.Dionigi e a S.Luigi, re di Francia (patroni della Nazione Francese) ed istituì una Confraternita con il medesimo nome, primo nucleo della Congregazione dei Pii Stabilimenti Francesi, che tuttora amministra le fondazioni religiose della nazione. La costruzione della nuova chiesa iniziò nel 1518, per volontà del cardinale Giulio de´ Medici (futuro papa Clemente VII), sotto la direzione di Jean Chenevières, anche se, dopo una sospensione dei lavori, fu completata soltanto nel 1589 da Domenico Fontana su disegno di Giacomo Della Porta. La facciata rivestita di travertino, divisa in due ordini e in cinque campate per mezzo di lesene, è sormontata da un timpano triangolare con lo stemma di Francia. L´ordine inferiore presenta un grande portale, inquadrato da due colonne e sormontato da un timpano triangolare spezzato, ed è affiancato da altri due ingressi minori e nicchie con statue di Carlo Magno (nella foto 1) e di S.Luigi (nella foto 2, ovvero Luigi IX, re di Francia), opere di Pierre Lestache. Sotto le due statue vi sono due tondi in pietra all´interno dei quali vi è raffigurata la salamandra coronata e circondata dal fuoco: l´animale, secondo un´antica leggenda ritenuto immune dal fuoco, fu scelto da Francesco I che lo pose al centro del suo emblema personale con il motto NUTRISCO ET EXTINGUO, [2 Statua di S.Luigi] ovvero nutro (il fuoco buono) ed estinguo (quello cattivo). Infatti il tondo sottostante la statua di Carlo Magno (nella foto 1) riporta proprio questo motto (seppur modificato in EXTINGO), mentre l´altro tondo sottostante la statua di S.Luigi (nella foto 2) riporta il motto ERIT CHRISTIANORUM LUMEN IN IGNE, ovvero Sarà la luce dei cristiani nel fuoco. L´ordine superiore presenta invece una grande finestra con balaustra, nicchie con statue di S.Clotilde e di S.Giovanna di Valois, anch´esse opere di Pierre Lestache, e due finestre laterali. L´interno è a tre navate, scandite da massicce arcate separate da pilastri, definite lateralmente da cinque cappelle per lato, concluse da un profondo presbiterio e coperte da un´elaborata volta a botte. Notevoli sono le opere d´arte ivi conservate, come i famosi quadri del Caravaggio realizzati tra il 1597 ed il 1602, la Vocazione di S.Matteo, S.Matteo e l´Angelo ed il Martirio di S.Matteo (a fondo pagina). I quadri appartengono alla piena maturità dell´artista e rappresentano il momento più alto e compiuto della sua produzione, quello in cui il luminismo, ovvero l´uso drammatico e violento della luce e delle ombre, raggiunge il suo massimo intento realistico. Nella seconda cappella della navata sinistra, quella dedicata a S.Cecilia, vi sono gli affreschi del Domenichino che illustrano le Storie della vita di S.Cecilia e la pala d´altare con S.Cecilia di Guido Reni; tra le tombe è da segnalare il Sepolcro di Pauline de Beaumont, [3 Portale principale del palazzo di S.Luigi dei Francesi] morta di tisi nel 1805, innalzatole dallo scrittore Chateaubriand. A destra della chiesa, e ad essa annesso, vi è il Palazzo di S.Luigi dei Francesi, costruito tra il 1709 ed il 1716 su progetto di Matteo Sassi e Carlo Francesco Bizzaccheri e destinato a dar ricovero alla comunità religiosa francese e ai pellegrini senza risorse. Il palazzo presenta l´ingresso principale in via di S.Giovanna d´Arco (nella foto 3) con un maestoso portale sovrastato da un balcone con grande finestra, inquadrata da due colonne ioniche, sovrastata da un timpano arcuato al centro del quale svetta lo stemma e la corona reale di Francia; corone e gigli francesi sono anche sui timpani delle finestre. La facciata su piazza Madama fu completamente trasformata da Luca Carimini in occasione dei lavori di ristrutturazione dell´edificio che si ebbero tra il 1882 ed il 1888. Il prospetto su Corso del Rinascimento presenta aperture al pianterreno ad arco ribassato con giglio e due portaletti, ambedue con gigli, uno dei quali (nella foto 4) presenta un´iscrizione del 1627 relativa al pontificato di Urbano VIII ed al regno di Luigi XIII, sovrastato da una piccola nicchia: questo era l´ingresso dell´ospizio, eretto, come si legge nell´iscrizione, dalla Congregazione dei curiali di S.Luigi, sotto il rettorato di Girolamo de Cothereau e Tommaso Vibo. All´interno del palazzo vi è un cortile, nel portico del quale è situato un busto raffigurante il Cristo che proviene dalla demolita [4 Ingresso dell´ospizio su Corso del Rinascimento] chiesa di S.Salvatore in Thermis e che, secondo la tradizione, raffigurerebbe un figlio di Vannozza Cattanei, ossia Cesare Borgia. Sul versante opposto della piazza di S.Luigi de´ Francesi vi sono due edifici adiacenti: al civico 34 vi è il palazzo degli Stabilimenti Spagnoli (nella foto 5), la struttura originaria del quale risale al Cinquecento, quando fu costruito per don Pedro Aranda, vescovo di Cathorra, trasformando un edificio trecentesco acquistato dal prelato nel 1491. Nel 1562 l´edifico fu acquistato dalle Opere Pie della chiesa di Santiago e fu destinato ad accogliere i pellegrini spagnoli a Roma. Tra il 1742 ed il 1744 fu completamente trasformato assumendo l´aspetto attuale a tre piani, senza particolari decorazioni, con un modesto portale cui fa da architrave il balcone del primo piano. La sopraelevazione centrale è ottocentesca; oggi il palazzo è di proprietà del Senato della Repubblica Italiana ed è stato restaurato nel 1989. L´altro edificio, situato al civico 37, è palazzo Patrizi (nella foto 6), la struttura originaria del quale risale ad una modesta casa che Gaspero dei Garzoni di Jesi acquistò nel 1512 da Alfonsina Orsini e che venne modificata in una serie di lavori svoltisi ad intervalli, nel contesto di un susseguirsi di compravendite dell´edificio operate dai suoi eredi. Nel 1605 il palazzo fu acquistato da Olimpia Aldobrandini, che acquistò anche un edificio adiacente, proprietà dell´Arciconfraternita della Carità e dell´Ospedale della Consolazione. La nuova padrona fece unire i due edifici in un´unica costruzione, commissionandone la facciata, che venne completata nel 1611: sebbene siano stati fatti i nomi di Giacomo Della [5 Palazzo degli Stabilimenti Spagnoli] Porta, di Carlo Maderno e di Giovanni Fontana, tuttora resta difficile determinarne l´attribuzione. Nel 1642 il palazzo fu venduto ai Patrizi, antica famiglia senese stabilitasi a Roma nel 1537 ed estintasi con Maria Virginia, sposa nel 1726 di Giovanni Chigi Montoro; questi prese il cognome dei Patrizi, la cui figlia Porzia sposò il marchese Tommaso Naro, da cui discendono i marchesi Patrizi Naro Montoro, attuali proprietari dell´edificio. Il palazzo fin dal 1690 fu oggetto di varie modifiche e ristrutturazioni operate, in particolare, nel primo Settecento da Sebastiano Cipriani; ulteriori lavori si ebbero nel 1747 ed altri rinnovamenti nel 1823 ad opera di Luigi Moneti. La facciata sviluppa su tre piani ed un mezzanino, oltre la sopraelevazione ottocentesca; il portale, decentrato, presenta due mensole con stelle e banda merlata, elementi araldici dello stemma Aldobrandini, che si ripetono anche sulle finestre e sul cornicione, ed è affiancato da due finestre architravate ed inferriate, due a destra ed una a sinistra. Al primo piano, quattro finestre con timpano triangolare e centinato alternato, sovrastati da festoni di frutta e nastri; al secondo, quattro finestre architravate, sovrastate da tre finestrelle ovali, una delle quali murata; al terzo, quattro finestre riquadrate, l´ultima delle quali è una porta-finestra che apre su un balcone [6 Palazzo Patrizi] ad angolo che gira su via Giustiniani, sul quale la facciata presenta caratteristiche simili. All´angolo un cantonale bugnato fino al balcone custodisce una Madonnella costituita da un dipinto ad olio su tela raffigurante l´immagine dell´Addolorata, riprodotta a mani incrociate sul seno e sguardo rivolto al cielo. Intorno alla cornice quadrangolare sono disposti fregi a motivi floreali, festoni ed una ghirlanda di rose. Al di sopra vi è collocato un baldacchino in lamiera con elaborati motivi ornamentali a traforo a forma di merletto; l´edicola è completata da una lanterna a braccio. Dal portale del palazzo si accede al cortile attraverso un vestibolo a volta con archi poggianti sul lesene singole e doppio alternativamente; a sinistra del vestibolo una sala con archi ribassati e statue entro nicchie. All´interno è notevole l´atrio del primo piano con soffitto a cassettoni del Cinquecento. Si distinguono un salone verde con un fregio rappresentante scene bibliche e quadri del Seicento e Settecento ed un salone da ballo con numerose tele, tra le quali Le Muse di Francesco Solimena. Sul soffitto della cappella vi sono affreschi del Settecento raffiguranti la Vergine col Bambino e tre beati della famiglia Patrizi, Saverio, Antonio e Francesco.


Per informazioni e prenotazioni:

Cooperativa IL SOGNO a r.l.
Viale Regina Margherita, 192 - 00198 ROMA
Tel. 06.85301758 - Fax 06.85301756
email: service@romeguide.it