MAXXI Museo nazionale delle arti del XXI secolo
via Guido Reni, 4 A - 00196 Roma
MAXXI architettura
MAXXI arte
Mostre in corso
Come arrivare
Foto
go to english version
Condividi

Per prenotazioni / Reservation :

COOP. IL SOGNO
Viale R.Margherita, 192 00198 - Rome (Italy)
Ph. +39/0685301758 Fax +39/0685301756
Email: service@romeguide.it

Il MAXXI_Museo nazionale delle arti del XXI secolo è una Fondazione costituita dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali.
É il primo museo nazionale dedicato alla creatività contemporanea pensato come un grande campus dedicato alla cultura, un laboratorio di sperimentazione, studio e ricerca. Sede del MAXXI è la grande opera architettonica dalle forme innovative e spettacolari, progettata da Zaha Hadid nel quartiere Flaminio di Roma.

Il MAXXI ha la missione di promuovere l'arte e l'architettura del XXI secolo e di raccogliere le testimonianze artistiche della creatività contemporanea per conservarle, studiarle e metterle a disposizione del pubblico. Il MAXXI intende costituire un riferimento nazionale per le istituzioni pubbliche e private operanti in Italia e all'estero, così come per gli artisti, gli architetti e il pubblico più vasto, con un lavoro approfondito di valutazione del presente che delineerà un quadro in costante aggiornamento sullo sviluppo delle arti e dell'architettura del XXI secolo. Nel MAXXI risiedono due istituzioni museali, il MAXXI architettura e il MAXXI arte, che avranno in comune spazi e risorse per le attività.  

Il MAXXI architettura è il primo museo nazionale di architettura presente in Italia e il suo radicamento nel contesto culturale e territoriale italiano ne definisce l'identità. Nel Museo convivono due anime distinte, quella che procede verso la storicizzazione dell'architettura del XX secolo e quella contemporanea che vuole rispondere agli interrogativi del presente, interpretando le aspettative della società attuale. Museo storico e museo contemporaneo, quindi, in cui passato e attualità si intersecano, adottando di volta in volta le forme e i modi utili a sviluppare un percorso di conoscenza, ad analizzare tendenze e personalità, modelli culturali e comportamenti sociali.  

Le collezioni del MAXXI architettura comprendono tutti quei prodotti e documenti che, in forme diverse, rappresentano la complessità materiale e concettuale dell’architettura attraverso i suoi processi evolutivi: dalla produzione ideativa, alla realizzazione fisica, all’uso e al suo inserimento nel contesto fisico e culturale. Le modalità di acquisizione per incrementare le collezioni del Museo vanno dagli acquisti alle donazioni, alle operazioni di committenza tramite concorsi e premi. Le collezioni sono inoltre legate al sistema di gestione di un vero e proprio “patrimonio virtuale”, costituito dalla rete dei musei e degli archivi pubblici e privati presenti in Italia. A curare e conservare le collezioni del MAXXI architettura è il Centro Archivi che, attivo dal 2001, svolge attività di conservazione e restauro, schedatura, ordinamento, inventariazione, creazione di database consultabili in rete e riproduzione digitale, favorendo la consultazione, lo studio e la valorizzazione dei documenti che testimoniano le diverse fasi della produzione architettonica. Inoltre il Centro fornisce assistenza contro la dispersione degli archivi a sostegno delle attività delle Soprintendenze archivistiche del Ministero e promuove e sostiene il censimento nazionale degli archivi di architettura (cfr. Direzione Generale per gli archivi) per la ricognizione e la tutela della documentazione inerente l’architettura e gli architetti del Novecento. 

Archivi di architetti
Gli archivi personali di architetti e ingegneri di rilievo internazionale del Novecento, tra i quali

  • Carlo Scarpa
  • Aldo Rossi
  • Enrico Del Debbio
  • Sergio Musmeci e Zenaide Zanini
  • Vittorio De Feo
  • Pier Luigi Nervi

acquisiti dalla DARC per le collezioni del MAXXI architettura, sono oggi conservati presso il Museo H. C. Andersen di Roma; una parte consistente dell’archivio di Carlo Scarpa è invece conservata presso il Centro Carlo Scarpa nell’Archivio di Stato di Treviso. Il Centro archivi è inoltre impegnato in progetti di conservazione e valorizzazione di altri archivi attraverso accordi, con nel caso dell’Archivio Centrale dello Stato, e collaborazioni, tra cui quella con l’Accademia di San Luca per l’archivio di Mario Ridolfi.
Documenti di architettura
La collezione raccoglie i materiali dei concorsi di progettazione promossi dalla Direzione generale (DARC) a cominciare da quello indetto per la realizzazione della sede del MAXXI e seguendo con i successivi destinati ai giovani architetti (-D40). Una sezione di questa collezione è costituita da una serie di disegni e schizzi autografi di autorevoli architetti italiani, quali Alessandro Anselmi, Giancarlo De Carlo e Paolo Soleri, acquisiti in occasione di mostre allestite presso il museo.
Collezioni speciali
Articolate per settori, le collezioni speciali raccolgono installazioni e progetti site specific concepiti e realizzati per il MAXXI spesso in occasione di mostre ed eventi. Fanno parte di questa sezione delle collezioni anche prototipi, oggetti di design, manufatti e oggetti significativi di realtà specifiche dell’architettura oltre ai plastici del concorso per la progettazione del MAXXI, tra cui quelli di Rem Koolhaas, Vittorio Gregotti, Francesco Cellini e Jean Nouvel.
Collezioni di fotografia
La collezione raccoglie immagini fotografiche, selezionate sulla base di criteri che tengono conto sia del valore artistico della fotografia, sia della validità dell’indagine documentaria. L’obiettivo è acquisire registrazioni fedeli del reale e dei suoi cambiamenti: fotografie d’autore, dal valore poetico ed estetico, appositamente commissionate e in divenire, tra cui opere di Olivo Barbieri, Gabriele Basilico, Mimmo Jodice, Guido Guidi, Armin Linke, Massimo Vitali.

Il MAXXI arte è la prima istituzione a carattere nazionale votata alla creazione contemporanea. Si propone di far conoscere la produzione artistica del XXI secolo attraverso mostre e manifestazioni diverse – conferenze, documentari, presentazioni di cicli cinematografici o video, visite guidate, concerti, spettacoli di danza. La programmazione delle varie attività riflette la crescita patrimoniale del museo, e vuole dare voce ai differenti linguaggi della contemporaneità. La vocazione del museo, non solo come luogo di sperimentazione ma anche di produzione e distribuzione, permette una continua riflessione sul suo ruolo e un adeguamento secondo le necessità via via individuate.

Le collezioni del MAXXI arte sono costituite ad oggi da oltre 350 opere che testimoniano la produzione artistica nazionale ed internazionale, con una particolare attenzione a quelle esperienze e realtà legate al contesto italiano. L'incremento della raccolta è stato effettuato attraverso l'acquisto, la donazione e lo sviluppo di una produzione diretta, grazie a premi, borse e committenze di progetti. Queste diverse modalità hanno permesso la creazione di un insieme attento alle più diverse ricerche degli ultimi anni. Per evidenziare la continuità esistente tra queste opere e le esperienze del secolo scorso, sono state acquisite opere di alcuni tra i più significativi artisti italiani e stranieri del Novecento a partire dagli anni Sessanta, come Alighiero Boetti, Francesco Clemente, William Kentridge, Mario Merz, Maurizio Mochetti, Gerard Richter, Andy Warhol.  

Info

Come raggiungere il MAXXI
autobus n. 19, 53, 217, 225, 910
metro A, Flaminio_tram n. 2 fermata Apollodoro

Per prenotazioni / Reservation :

COOP. IL SOGNO
Viale R.Margherita, 192 00198 - Rome (Italy)
Ph. +39/0685301758 Fax +39/0685301756
Email: service@romeguide.it