National Geographic, 125 anni. La Grande Avventura
125 anni nel mondo 15 in Italia
28 settembre 2013 - 2 marzo 2014
MOSTRA PROROGATA FINO AL 13 LUGLIO 2014
Palazzo delle Esposizioni, via Nazionale , Roma


Condividi
VISITE GUIDATE:

- GRUPPI A RICHIESTA
- SCUOLE

In seguito alle molte richieste pervenute da parte di scuole e visitatori, l’Azienda Speciale Palaexpo, in accordo col National Geographic, ha deciso di prolungare eccezionalmente la mostra “National Geographic, 125 anni. La Grande Avventura” fino al 13 luglio

Quando il 13 gennaio del 1888 un gruppo di 33 uomini si incontrò al Cosmos Club di Washington, DC, per discutere come incrementare e diffondere la conoscenza geografica, nessuno ancora pensava che la National Geographic Society sarebbe diventata una delle organizzazioni scientifiche e pedagogiche più famose al mondo.
Oggi, a distanza di 125 anni dalla sua fondazione, la mostra fotografica  "La Grande Avventura" vuole celebrare la storia di questo marchio che negli ultimi anni si è radicato in molti paesi del mondo. E infatti insieme ai 125 anni della Society la mostra festeggia anche i 15 anni di National Geographic Italia.

National Geographic, 125 anni. La Grande Avventura

ORARI
Martedì, mercoledì, giovedì: 10.00 - 20.00
Venerdì, sabato: 10.00 - 22.30
Domenica: 10.00 - 20.00

L'ingresso è consentito fino a un’ora prima dell’orario di chiusura

PREZZI
Intero € 12,00 + € 2.00 spese d'agenzia
Ridotto € 9,50 + € 2.00 spese d'agenzia
Scuole € 4,00 + € 1.00 spese d'agenzia per studente dal martedì al venerdì (esclusi i festivi)
minimo 10 massimo 25 studenti
Per i gruppi e le scolaresche la prenotazione è obbligatoria
Il biglietto consente di visitare tutte le mostre in corso al Palazzo delle Esposizioni

Gli studenti, ricercatori, dottorandi degli atenei romani (sia pubblici che privati), il venerdì e il sabato, dalle ore 19,00 fino alla chiusura della biglietteria,  hanno diritto ad acquistare il biglietto di ingresso alle mostre al prezzo di € 4,00
Primo mercoledì del mese: grazie al Gioco del Lotto il primo mercoledì del mese ingresso gratuito per i visitatori sotto i 30 anni dalle ore 14.00 alle ore 19.00. Valido solo per i visitatori singoli, offerta non applicabile ai componenti dei gruppi prenotati.

VISITE GUIDATE:

- GRUPPI A RICHIESTA
- SCUOLE

Con l’autobus
16-170-36-360-37-38-40-60-61-62-64-70-H

Con la metropolitana
metro A (fermata P.za della Repubblica)
metro B (fermata Cavour)

Dalla Stazione Termini
Piazza dei Cinquecento
recarsi alla fermata Termini (Ma-Mb-Fs)
Prendere la Linea 40 (P.za Pia/Castel S. Angelo) per 2 fermate e scendere alla fermata Nazionale/Quirinale
a piedi per  100 metri fino alle Scuderie del Quirinale

Dall’Aeroporto di Fiumicino

Prendere la linea Leonardo (Termini) (partenza ogni 30 min.) scendere alla fermata Termini
recarsi alla fermata TERMINI (MA-MB-FS)
prendere la linea 40 (P.Za Pia/Castel S. Angelo) per 2 fermate e scendere alla fermata Nazionale/Quirinale
A piedi per  100 metri fino alle Scuderie del Quirinale

Per prenotazioni :

COOP. IL SOGNO
Viale R.Margherita, 192 00198 - Rome (Italy)
Ph. +39/0685301758 Fax +39/0685301756
Email: service@romeguide.it

Quando il 13 gennaio del 1888 un gruppo di 33 uomini si incontrò al Cosmos Club di Washington, DC, per discutere come incrementare e diffondere la conoscenza geografica, nessuno ancora pensava che la National Geographic Society sarebbe diventata una delle organizzazioni scientifiche e pedagogiche più famose al mondo.
Oggi, a distanza di 125 anni dalla sua fondazione, la mostra fotografica  "La Grande Avventura" vuole celebrare la storia di questo marchio che negli ultimi anni si è radicato in molti paesi del mondo. E infatti insieme ai 125 anni della Society la mostra festeggia anche i 15 anni di National Geographic Italia.

Tra imprese memorabili e personaggi leggendari, tra ricerca in laboratorio e spedizioni nei luoghi più sperduti del Pianeta, tra le culture di grandi popolazioni e quelle di tribù sconosciute, tra la bellezza della vita animale e di quella vegetale, tra l'impegno per la conoscenza e quello per la salvaguardia di Madre Terra, "La Grande Avventura" ripercorre le tappe di un lungo viaggio affascinante, straordinario, unico. Dentro l'inconfondibile cornice gialla della rivista sono state raccontate vicende epiche: la scoperta leggendaria della città perduta di Machu Picchu, l'avventurosa spedizione di Robert Peary al Polo Nord, gli incontri memorabili tra Jane Goodall e gli scimpanzé, le straordinarie imprese sottomarine di Jacques Cousteau e James Cameron.

 Attraverso le immagini dei suoi più grandi fotografi, la mostra ripercorre i momenti più importanti della storia della Society. Dai primi scatti fotografici apparsi sul magazine ai giorni nostri, con l'evoluzione della comunicazione e delle tecnologie che grazie a Internet e alla Tv garantiscono oggi un seguito di centinaia di milioni di persone in tutto il mondo, di cui trenta milioni di lettori del magazine e oltre un milione di lettori e "navigatori" in Italia.

Ma se è cambiata la comunicazione, la Society non ha cambiato invece il suo obiettivo, la propria missione: esplorare il Pianeta e diffondere una maggiore consapevolezza dell'uomo nei suoi confronti. La mostra darà a tutti la possibilità di conoscere e capire da vicino quale impegno e quanta professionalità vi siano nel lavoro della National Geographic Society, una comunità di persone - fotografi, giornalisti, impiegati, tecnici, ricercatori, scrittori - che mette al primo posto la parola "passione". I 125 anni della Society e i 15 della rivista italiana raccontano appunto una storia appassionante che non potrà che stupire anche il più distratto dei visitatori.

"Poter gettare ponti che scavalchino millenni, continenti, civiltà, raggiungere esseri umani che lingue, scritture, leggi, costumi, fedi diverse parrebbero dividere inesorabilmente da noi, e scoprire invece che ci sono similissimi - quasi dei fratelli - ecco un insigne piacere". Prendo a prestito le parole di Fosco Maraini, scrittore, fotografo, viaggiatore-pellegrino, etnologo, perché si avvicinano molto più di altre alla mia idea di National Geographic. Perché se è vero che la Society ha offerto a milioni e milioni di persone l'occasione di scoprire il Mondo nella sua immensità, credo che il più significativo contributo riguardi la possibilità di conoscere direttamente tutti i viventi della Terra. E in primo luogo le genti.

Grazie al magazine - unico nel suo genere perché racchiude al suo interno più riviste - sono entrato in contatto con donne, bambini, vecchi dei luoghi più diversi. Ho appreso storie, culture, modi di vivere - e di sopravvivere - leggendo reportage bellissimi e guardando fotografie straordinarie.

Molti, forse i più, ritengono NG una rivista di fotografia. Sì, lo è. Ma solo in parte. Perché mensilmente pubblica articoli di studiosi, ricercatori e giornalisti, di prima qualità. Che mi hanno aiutato anche a conoscere i più vari ambienti naturali e a capire la vita animale, le particolarità degli habitat, la bellezza e le difficoltà di tante specie, alcune delle quali rischiano l'estinzione. Attraverso pagine intense sono stato coinvolto da un inesauribile racconto del Pianeta che, insieme ai "servizi" sulla ricerca, sulle esplorazioni, sulla scienza, rappresenta l'anima più appassionante, più profonda di un periodico che, nell'era tecnologica dell'informazione in tempo reale, è ancora in grado di stupire e di meravigliare i lettori. E di emozionare. Con "La Grande Avventura" cerchiamo di riportare al maggior numero di persone questa essenza di National Geographic. La mostra - realizzata come sempre con l'apporto fondamentale, operoso e creativo della redazione - è diversa dalle cinque precedenti, perché non è soltanto di immagini: è più un'esposizione fotografico-storica, che farà partecipare i visitatori a un "viaggio" iniziato 125 anni fa a Washington, e continuato in tanti paesi di ogni continente. Seguendo un percorso narrativo semplice e chiaro (125 scatti, pannelli espositivi, cover della rivista, schermi televisivi, touch screen), potrete verificare perché quando parliamo di NG ci riferiamo a una "grande avventura". Affiancata da un'avventura più breve, comunque significativa: i 15 anni dell'edizione italiana della rivista. Perciò più che un catalogo, quello che avete tra le mani somiglia a un libro di storia: con immagini e parole focalizza momenti salienti, tappe importanti, volti significativi, protagonisti umani e animali. E se riuscirete ad apprezzare il lavoro svolto, sarà anche merito del Palazzo delle Esposizioni di Roma che per la sesta volta mette a disposizione i suoi preziosi e affascinanti spazi per un evento culturale di National Geographic. Non so se vedendo la mostra potrete cogliere un altro messaggio. Ma c'è, ed è questo: noi siamo gli esseri più intelligenti del Pianeta, però non i migliori. Dobbiamo avere maggior rispetto nei confronti degli altri esseri viventi, perché il destino di Madre Terra è in primo luogo nelle nostre mani. Non ci è permesso di ignorare, o fingere di ignorare, che non siamo i padroni. Ricordiamoci che il patrimonio che abbiamo a disposizione non è inesauribile. Dunque se dopo la mostra vedrete con occhi diversi - più empatici, più comprensivi - tutte le specie viventi, sarà missione compiuta. E vorrà dire che la speranza di avere un mondo migliore è ancora viva.

Per prenotazioni :

COOP. IL SOGNO
Viale R.Margherita, 192 00198 - Rome (Italy)
Ph. +39/0685301758 Fax +39/0685301756
Email: service@romeguide.it

National Geographic in mostra al Palazzo delle Esposizioni
National Geographic in mostra al Palazzo delle Esposizioni
National Geographic in mostra al Palazzo delle Esposizioni
National Geographic in mostra al Palazzo delle Esposizioni
Hugo Van Lawick, Tanzania, 1964
Guardando questo gesto semplice tra Jane Goodall e il piccolo Flint si potrebbe pensare che il mondo sia un’unica grande famiglia.
Eliza Scidmore, Giappone, 1900 ca.
Eliza Scidmore realizza fotografie del Giappone colorate a mano per la National Geographic, che aveva iniziato la pubblicazione di simili immagini "a colori" due anni prima.
W. Robert Moore, Siam, anni Trenta circa
Un gruppo di danzatori rievoca alcuni episodi della vita di Phra Ruang fuori da un tempio.
Joseph Rock, Choni, Tibet 1926
Prima del sesto giorno della sesta luna i monaci suonano corni lunghi oltre quattro metri per sollecitare i lama a prepararsi per l’antica danza chiamata Chamngyon-wa.
National Geographic in mostra al Palazzo delle Esposizioni
National Geographic in mostra al Palazzo delle Esposizioni
National Geographic in mostra al Palazzo delle Esposizioni
National Geographic in mostra al Palazzo delle Esposizioni
Hiram Bingham, Perù | 1912 Pochi luoghi nel mondo erano più spettacolari del Machu Picchu, soprattutto dopo che un esercito di indigeni armati di machete aveva eliminato la vegetazione che ostruiva la vista al fotografo.
Fotografo sconosciuto. Località ignota del Witwatersrand, nella Repubblica del Sudafrica, Fine XIX secolo. L’immagine di questa sposa zulu, apparsa sul numero di novembre del 1896, fu la prima di una lunga serie di foto di donne a seno nudo pubblicate su National Geographic.
Carl E. Akeley, Kenya | 1910 Circa Carl Akeley riuscì a cogliere questo primo piano straordinariamente dettagliato di una zebra di Burchell che riposava nelle pianure di Athi.
Thomas J Abercrombie, Puerto Rico | 1960 Jacques-Yves Cousteau svela Denise, la rivoluzionaria capsula a immersione costruita con il sostegno della Society.
National Geographic in mostra al Palazzo delle Esposizioni
National Geographic in mostra al Palazzo delle Esposizioni
National Geographic in mostra al Palazzo delle Esposizioni
National Geographic in mostra al Palazzo delle Esposizioni
Robert Goodman, Mar Rosso | 1963 I sommozzatori del progetto Conshelf II di Jacques Cousteau difendono dai predatori affamati i campioni che hanno raccolto nella loro “casa” sottomarina.
William Albert Allard, Pennsylvania | 1965 Un giovane amish con un cappello di paglia e le bretelle accarezza un porcellino d’India.
Robert E. Peary, Canada | 1909 Probabilmente Robert E. Peary e il suo assistente non raggiunsero il Polo Nord nel 1909, ma di certo si avvicinarono come nessun altro prima.
Volkmar Wentzel, India | 1947 Seduti su un balcone affacciato sulla valle del Kashmir alcuni tessitori con il turbante fumano insieme una pipa ad acqua.
National Geographic in mostra al Palazzo delle Esposizioni
National Geographic in mostra al Palazzo delle Esposizioni
National Geographic in mostra al Palazzo delle Esposizioni
National Geographic in mostra al Palazzo delle Esposizioni
Paul Nicklen, Canada | 2011 Addentratosi nella verdeggiante foresta pluviale della regione costiera della Columbia Britannica, Paul Nicklen ha scattato questa bella e rara immagine di un orso kermode, detto anche orso spirito, quasi completamente bianco.
Emory Kristof, Atlantico del Nord | 1991 La prua del R.M.S. Titanic si staglia nel buio degli abissi illuminata dal sommergibile russo Mir I e fotografata da Emory Kristof.
Michael Nichols, Parco nazionale del Semien, Etiopia | 2002 Il babbuino Gelada, che di solito si accontenta di mangiare l’erba delle praterie, ha comunque due canini decisamente pronunciati.
Mali | 1997 Coperta da un velo di sabbia proveniente dal letto asciutto di un lago, una famiglia fa un sonnellino in pieno pomeriggio.