Frida Kahlo
20 marzo - 31 agosto 2014
Scuderie del Quirinale, Roma

Mostre a Roma
Mostre a Roma

Condividi
VISITE GUIDATE:
INDIVIDUALI
GRUPPI
SCUOLE

Per prenotazioni :

COOP. IL SOGNO
Viale R.Margherita, 192 00198 - Rome (Italy)
Ph. +39/0685301758 Fax +39/0685301756
Email: service@romeguide.it

Frida Kahlo in mostra a Roma
INFO GENERALI

BIGLIETTI
Intero € 14,00 + € 2.00 spese d'agenzia
Ridotto € 11,50 + € 2.00 spese d'agenzia

Gli studenti, ricercatori, dottorandi degli atenei romani (sia pubblici che privati), il venerdì e il sabato, dalle ore 19,00 fino alla chiusura della biglietteria,  hanno diritto ad acquistare il biglietto di ingresso alla mostra al prezzo di € 4,00

Il biglietto ridotto è valido per
- giovani fino a 26 anni
- adulti oltre i 65 anni
- insegnanti in attività (esclusi professori universitari)
- gruppi convenzionati
- forze dell'ordine e militari con tessera di riconoscimento
- giornalisti con regolare tessera dell'Ordine Nazionale (professionisti, praticanti, pubblicisti) ridotto speciale € 7,00

Gruppi
dal lunedì al venerdì € 9,50 per persona + € 1.00 spese d'agenzia
sabato, domenica e festivi  € 12,00 per persona + € 1.00 spese d'agenzia
prenotazione obbligatoria a pagamento € 30,00 (min. 7 max 25 persone)

Scuole
dal lunedì al venerdì € 4 per studente + € 1.00 spese d'agenzia
prenotazione obbligatoria a pagamento € 20,00 (min. 7 max 25 studenti)

PRENOTAZIONI INDIVIDUALI ONLINE

AVVERTENZE!

Per la prenotazione è necessario inviare una mail o compilare la form di richiesta. Alla conferma è necessario procedere al pagamento con le modalità sottoindicate. Al pagamento riceverete un voucher da consegnare alla mostra per ritirare i vostri biglietti.

  • DOPO IL PAGAMENTO, ATTENDERE IL VOUCHER

  • SI RICORDA CHE LA PRENOTAZIONE NON È VALIDA SENZA LA PRESENTAZIONE DEL VOUCHER CHE VI VERRÀ INVIATO DOPO IL PAGAMENTO

  • PER LE VISITE DEL VENERDI SERA LA PRENOTAZIONE PUÒ ESSERE FATTA SOLO ENTRO VENERDI ALLE ORE 17.00 (ORARIO CHIUSURA UFFICI)

  • PER I SABATI E LE DOMENICHE ED I FESTIVI LA PRENOTAZIONE PUÒ ESSERE FATTA SOLO ENTRO SABATO ALLE ORE 12.00 (ORARIO CHIUSURA UFFICI)

  • PRESENTARSI ALLA MOSTRA SOLO CON IL VOUCHER ED EVENTUALI DOCUMENTI ATTESTANTI LE RIDUZIONI

  • LA PRENOTAZIONE NON È AUTOMATICA. ATTENDERE L'INVIO DEL VOUCHER DA PARTE DELL'OPERATORE

MODALITA' DI PAGAMENTO

COME ARRIVARE:
Autobus: 40, 60, 64, 70, 117, 170, H (Fermata Nazionale/Quirinale)
Metropolitana: Linea A fermata Barberini - Linea B fermata Cavour
Calcola il percorso

ORARIO
dal 20 marzo al 13 luglio 2014

da lunedì a giovedì dalle ore 10.00 alle 20.00
venerdì e sabato dalle ore 10.00 alle 22.30
domenica dalle ore 10.00 alle 21.00
L'ingresso è consentito fino a un’ora prima dell’orario di chiusura
dal 14 luglio al 24 agosto 2014
dalla domenica al giovedì dalle 16.00 alle  23.00
venerdì e sabato dalle 16.00 alle 24.00
L'ingresso è consentito fino a un’ora prima dell’orario di chiusura
dal 25 agosto al 31 agosto 2014
dalla domenica al giovedì dalle 10.00 alle  23.00
venerdì e sabato dalle 10.00 alle 24.00
L'ingresso è consentito fino a un’ora prima dell’orario di chiusura

ACCESSIBILITÁ
Le Scuderie del Quirinale sono accessibili alle persone con ridotta o impedita capacità motoria o sensoriale.
L'ingresso è in via XXIV Maggio 16.
In corrispondenza di tale ingresso principale l'Amministrazione Comunale ha predisposto 2 posti auto riservati alle persone con ridotta o impedita capacità motoria o sensoriale, più precisamente localizzati lungo via XXIV Maggio, proprio sul marciapiede opposto rispetto all'ingresso delle Scuderie.
Durante gli orari di apertura al pubblico, l'ingresso è costantamente presidiato dal nostro personale di accoglienza che è a disposizione dei visitatori per servizio di assistenza o accompagnamento.
Sono disponibili sedie a rotelle per i visitatori che ne fanno richiesta.

 

Frida Kahlo in mostra a Roma alle Scuderie del Quirinale
Frida Kahlo in mostra a Roma
Frida Kahlo fotografata da Julien Levy
c. 1938 Gelatin silver print © Philadelphia Museum of Art
Frida Kahlo in mostra a Roma
Frida Kahlo fotografata da Julien Levy
c. 1938 Gelatin silver print © Philadelphia Museum of Art
Frida Kahlo in mostra a Roma
Frida Kahlo, Autoritratto con collana di spine, 1940
Harry Ransom Center, Austin. © Banco de México Diego Rivera & Frida Kahlo Museums Trust, México D.F., by SIAE 2013
Frida Kahlo in mostra a Roma alle Scuderie del Quirinale
Frida Kahlo fotografata da Julien Levy
c. 1938 Gelatin silver print © Philadelphia Museum of Art
Frida Kahlo in mostra a Roma
Frida with Idol 1939, foto di Nickolas Muray
Frida Kahlo in mostra a Roma
Frida Kahlo fotografata da Nickolas Muray

LA MOSTRA

Alle Scuderie del Quirinale una grande mostra sull'artista messicana di Frida Kahlo (1907-1954), simbolo dell'avanguardia artistica e dell'esuberanza della cultura messicana del Novecento.

Non vi è dubbio che il mito formatosi attorno alla figura e all'opera di Frida Kahlo (1907-1954) abbia ormai assunto una dimensione globale; icona indiscussa della cultura messicana novecentesca, venerata anticipatrice del movimento femminista, marchio di culto del merchandising universale, seducente soggetto del cinema hollywoodiano, Frida Kahlo si offre alla cultura contemporanea attraverso un inestricabile legame arte-vita tra i più affascinanti nella storia del XX secolo. Eppure i suoi dipinti non sono soltanto lo specchio della sua vicenda biografica, segnata a fuoco dalle ingiurie fisiche e psichiche subite nel terribile incidente in cui fu coinvolta all'età di 17 anni. La sua arte si fonde con la storia e lo spirito del mondo a lei contemporaneo, riflettendo le trasformazioni sociali e culturali che portarono alla Rivoluzione messicana e che ad essa seguirono. 

Fu proprio lo spirito rivoluzionario che portò alla rivalutazione del passato indigeno e delle tradizioni folkloriche, intesi come insopprimibili codici identitari generatori di un'inedita fusione tra l'espressione del sé e il linguaggio, l'immaginario, i colori e i simboli della cultura popolare messicana. Allo stesso tempo Frida è un'espressione dell'avanguardia artistica e dell'esuberanza culturale del suo tempo e lo studio della sua opera permette di intersecare le traiettorie di tutti i principali movimenti culturali internazionali che attraversarono il Messico del suo tempo: dal Pauperismo rivoluzionario all'Estridentismo, dal Surrealismo a quello che decenni più tardi avrebbe preso il nome di Realismo magico.

 La mostra intende riunire attorno ad un corpus capolavori assoluti provenienti dai principali nuclei collezionistici, opere chiave appartenenti ad altre raccolte pubbliche e private in Messico, Stati Uniti, Europa. Completa il progetto, una selezione dei ritratti fotografici dell'artista, tra cui quelli realizzati da Nickolas Muray negli anni quaranta, indispensabile quanto suggestivo complemento all'arte di Frida Kahlo sotto il profilo della codificazione iconografica del personaggio.

Se infatti la mostra intende presentare e approfondire la produzione artistica di Frida Kahlo nella sua evoluzione, dagli esordi ancora debitori della Nuova Oggettività e del Realismo magico alla riproposizione dell'arte folklorica e ancestrale, dai riflessi del realismo americano degli anni venti e trenta (Edward Hopper, Charles Sheeler, Georgia O'Keefe) alle componenti ideologico-politiche ispirate dal muralismo messicano (Rivera, Orozco), è il tema dell'autorappresentazione a prevalere in questo progetto di mostra, sia in rispetto del peso numerico che il genere "autoritratto" assume nella produzione complessiva dell'artista, sia - e soprattutto - per lo specialissimo significato che esso ha rappresentato nella trasmissione dei valori iconografici, psicologici e culturali propri del "mito Frida". 

La progettazione della mostra e del catalogo è affidata alla cura di Helga Prignitz-Poda, accreditata specialista dell'opera di Frida Kahlo, autrice con Salomon Grimberg e Andrea Kettenmann del catalogo ragionato dell'artista nel 1988.

"Ero solita pensare di essere la persona più strana del mondo ma poi ho pensato, ci sono così tante persone nel mondo, ci dev’essere qualcuna proprio come me, che si sente bizzarra e difettosa nello stesso modo in cui mi sento io"

Scuderie del Quirinale e Palazzo Ducale di Genova presentano nel 2014, con un progetto integrato diviso in due grandi mostre, l’opera dell’artista messicana Frida Kahlo. La mostra romana, vuole indagare l’artista Frida Kahlo e il suo rapporto con i movimenti culturali e artistici dell’epoca; a Genova si racconterà invece l’altra grande influenza che si percepisce nell’arte di Frida Kahlo, quella che viene dal suo universo privato, un universo di grande sofferenza fisica ed emotiva, al centro del quale lei metterà sempre il marito Diego.

La mostra alle Scuderie del Quirinale è la prima retrospettiva in Italia dell’artista messicana e proporrà circa 130 opere tra dipinti e disegni. Il progetto è a cura di Helga Prignitz‐Poda, autrice del catalogo ragionato dell'artista, ed è organizzata dall’Azienda Speciale Palaexpo insieme con MondoMostre. L’esposizione documenta l'intera carriera artistica di Frida Kahlo riunendo i capolavori assoluti dei principali nuclei collezionistici, raccolte pubbliche e private, provenienti da Messico, Europa e Stati Uniti.

Oltre quaranta straordinari ritratti e autoritratti, tra cui il celeberrimo Autoritratto con collana di spine del '40, mai esposto prima d’ora in Italia e immagine della mostra, l’”Autoritratto con vestito di velluto” del ’26, dipinto a soli 19 anni, il suo primo autoritratto, eseguito per l’amato Alejandro Gòmez Arias con l’intenzione di riconquistarlo, dove il suo collo allungato recupera l’estetica di Parmigianino e di Modigliani.
Completa il progetto, una selezione di disegni, tra cui lo “schizzo a matita per il dipinto Ospedale
Henry Ford (o Il letto volante)” del ‘32, il famoso “corsetto in gesso” che teneva Frida prigioniera
subito dopo l’incidente e che dipinse ancor prima di passare ai ritratti – un pezzo unico che si credeva perduto fino a poco tempo fa, e infine alcuni eccezionali ritratti fotografici dell'artista, in particolare quelli realizzati da Nickolas Muray, per dieci anni amante di Frida, e tra questi “Frida sulla panchina Bianca, New York, 1939” diventato poi una famosa copertina della rivista Vogue.

Non si può comprendere l’opera di Frida Kahlo senza conoscere la sua vita. Magdalena Carmen Frida Kahlo y Calderón diceva di essere nata nel 1910, mentre in realtà era nata il 6 luglio 1907 a Coyoacán (Città del Messico). Amava considerarsi figlia della rivoluzione messicana che iniziò nel 1910 e terminò nel 1917: “Sono nata con una rivoluzione. Diciamolo. E’ in quel fuoco che sono nata, portata dall’impeto della rivolta fino al momento di vedere giorno. Il giorno era cocente. Mi ha infiammato per il resto della mia vita. Sono nata nel 1910. Era estate. Di lì a poco Emiliano Zapata, el Gran Insurrecto, avrebbe sollevato il sud. Ho avuto questa fortuna: il 1910 è la mia data”.

Non vi è dubbio che il mito formatosi attorno alla figura e all'opera di Frida Kahlo (1907‐1954) abbia ormai assunto una dimensione globale: icona indiscussa della cultura messicana novecentesca, venerata anticipatrice del movimento femminista, marchio di culto del merchandising universale, seducente soggetto del cinema hollywoodiano, prima donna ispanica ritratta su un francobollo degli Stati Uniti, Frida Kahlo si offre alla cultura contemporanea attraverso un inestricabile legame arte‐vita tra i più affascinanti nella storia del XX secolo.

I suoi dipinti non sono soltanto lo specchio della sua vicenda biografica, segnata dalle ingiurie fisiche e psichiche subite nel terribile incidente in cui fu coinvolta all'età di 17 anni. La sua arte si fonde con la storia e lo spirito del mondo a lei contemporaneo, riflettendo le trasformazioni sociali e culturali che portarono alla Rivoluzione messicana e che ad essa seguirono. Attraverso lo spirito rivoluzionario reinterpretò il passato indigeno e le tradizioni folkloriche, codici identitari generatori di un'inedita fusione tra l'espressione del sé, il linguaggio, l'immaginario, i colori e i simboli della cultura popolare messicana. Allo stesso tempo Frida è espressione dell'avanguardia artistica e dell'esuberanza culturale del suo tempo e lo studio della sua opera permette di capire l’intreccio delle traiettorie di tutti i movimenti culturali internazionali che attraversarono il Messico in quel tempo: dal Pauperismo rivoluzionario all'Estridentismo, dal Surrealismo a quello che decenni più tardi prese il nome di Realismo magico.

Eppure il tema principale rimane quello dell'autorappresentazione, che Frida elabora attraverso i linguaggi protagonisti delle varie epoche in un processo in cui dimentica ogni paternità. Il peso numerico che il genere 'autoritratto' assume nella produzione complessiva dell'artista restituisce lo specialissimo significato che esso ha rappresentato nella trasmissione dei valori iconografici, psicologici e culturali propri del 'mito Frida'.

Il percorso espositivo intende presentare e approfondire la produzione artistica di Frida Kahlo nella sua evoluzione, dagli esordi ancora debitori della Nuova Oggettività e del Realismo magico alla riproposizione dell'arte folklorica e ancestrale, dai riflessi del realismo americano degli anni venti e trenta alle componenti ideologico‐politiche ispirate dal muralismo messicano e di questi influssi la mostra vuole dare conto. Sarà quindi possibile ammirare accanto ai lavori di Frida Kahlo, in un unico e raro percorso espositivo, una selezione di opere degli artisti attivi in quel periodo che hanno 'vissuto' fisicamente e artisticamente vicino a Frida Kahlo, dal marito Diego Rivera, presente con alcune opere significative quali ad esempio: 'Ritratto di Natasha Gelman del
1943, Nudo (Frida Kahlo) del 1930 e Autoritratto del 1948; ad una selezione di artisti attivi in quel periodo quali: José Clemente Orozco, José David Alfaro Siqueiros, Maria Izquierdo e altri.

“...tengo una alegria immensa por vivir...”
“...rebellion con todo lo que te encadena...” “...yo soy la desintegración...”

Per prenotazioni :

COOP. IL SOGNO
Viale R.Margherita, 192 00198 - Rome (Italy)
Ph. +39/0685301758 Fax +39/0685301756
Email: service@romeguide.it

Frida Kahlo in mostra a Roma
Frida Kahlo in mostra a Roma
Frida Kahlo in mostra a Roma Frida Kahlo in mostra a Roma
Frida Kahlo, Ritratto di una signora in bianco, 1929 ca.
Collezione privata, Germania, by SIAE 2014
Frida Kahlo, La sposa che si spaventa nel vedere la vita aperta, 1943
The Vergel Foundation, Collezione Jacques and Natasha Gelman, Città del Messico, by SIAE 2014
Frida Kahlo, Ritratto di Diego Rivera, 1937
The Vergel Foundation, Collezione Jacques and Natasha Gelman, Città del Messico, by SIAE 2014
Frida Kahlo, Autoritratto come Tehuana / Diego nei miei pensieri / Pensando a Diego, 1943
The Vergel Foundation, Collezione Jacques and Natasha Gelman, Città del Messico, by SIAE 2014
Frida Kahlo in mostra a Roma
Frida Kahlo in mostra a Roma
Frida Kahlo in mostra a Roma
Frida Kahlo in mostra alle Scuderie del Quirinale, Roma
Frida Kahlo, Autoritratto con scimmie, 1943
The Vergel Foundation, Collezione Jacques and Natasha Gelman, Città del Messico, by SIAE 2014
Frida Kahlo, Autoritratto con vestito di velluto, 1926
García Formentí y Asociados Arquitectos S.C, Città del Messico, by SIAE 2014
Frida Kahlo, Autoritratto con collana di spine, 1940
Nickolas Muray Collection, Harry Ransom Center - The University of Texas at Austin, by SIAE 2014

Frida Kahlo
Autoritratto con treccia, 1941
Olio su tela, cm 51 x 38,5
The Jacques and Natasha Gelman Collection of 20thCentury Mexican Art and The Vergel Foundation, Cuernavaca
Kahlo Museums Trust, México D.F. by SIAE 2014

Frida Kahlo in mostra alle Scuderie del Quirinale, Roma
Frida Kahlo in mostra alle Scuderie del Quirinale, Roma
Frida Kahlo in mostra alle Scuderie del Quirinale, Roma
Frida Kahlo in mostra alle Scuderie del Quirinale, Roma

Frida Kahlo
Moses o Nucleo Solare, 1945
Olio su tavola, cm 61 x 75,6
(IN MOSTRA SOLO A ROMA)
Collezione Privata

© Banco de México Diego Rivera & Frida KahloMuseums Trust, México D.F. by SIAE 2014

Diego Rivera
Nudo (Frida Kahlo), 1930
(IN MOSTRA SOLO A GENOVA)
Litografia su carta, cm 44 x 30
The Jacques and Natasha Gelman Collection of 20th Century Mexican Art and The Vergel Foundation, Cuernavaca

© Banco de México Diego Rivera & Frida Kahlo Museums Trust, México D.F. by SIAE 2014

Frida Kahlo
L’amoroso abbraccio dell’universo, la terra (Messico), io, Diego e il signor Xolotl, 1949
Olio su tavola, cm 70 x 60,5
The Jacques and Natasha Gelman Collection of 20th Century Mexican Art and The Vergel Foundation, Cuernavaca

© Banco de México Diego Rivera & Frida Kahlo Museums Trust, México D.F. by SIAE 2014

Frida Kahlo
Autoritratto al confine tra Messico e Stati Uniti, 1937
Olio su piastra di rame, cm 31,7 x 35
Collezione Privata

© Banco de México Diego Rivera & Frida KahloMuseums Trust, México D.F. by SIAE 2014

Frida Kahlo in mostra alle Scuderie del Quirinale, Roma
 
 

Diego Rivera
Ritratto di Natasha Gelman, 1943
Olio su tela, cm 115 x 153
The Jacques and Natasha Gelman Collection of 20thCentury Mexican Art and The Vergel Foundation, Cuernavaca

©Banco de México Diego Rivera & Frida Kahlo Museums Trust, México D.F. by SIAE 2014

   
Frida Kahlo in mostra a Roma Frida Kahlo in mostra a Roma Frida Kahlo in mostra a Roma Frida Kahlo in mostra a Roma
Frida Kahlo fotografata da Julien Levy
c. 1938 Gelatin silver print © Philadelphia Museum of Art
Frida Kahlo fotografata da Julien Levy
c. 1938 Gelatin silver print © Philadelphia Museum of Art
Frida with Idol 1939, foto di Nickolas Muray 1919 Frida Kahlo fotografata da Nickolas Muray
ELENCO DELLE OPERE IN MOSTRA

Frida Kahlo
Paesaggio urbano,1925 circa
Olio su tela
Colección Instituto Nacional de Bellas Artes y Literatura / Museo Nacional de Arte, México
 
Frida Kahlo
Autoritratto con abito di velluto, 1926
Olio su tela
Collezione privata
 
Frida Kahlo
Ritratto di Alejandro Gómez Arias, 1928
Olio su tavola
Collezione privata
 
Frida Kahlo
Pancho Villa e Adelita, ante 1927
Olio su tela
Gobierno del Estado de Tlaxcala,
Instituto Tlaxcalteca de Cultura, Museo de Arte de Tlaxcala
 
Frida Kahlo
Ritratto di Miguel N. Lira, 1927
Olio su tela
Gobierno del Estado de Tlaxcala,
Instituto Tlaxcalteca de Cultura, Museo de Arte de Tlaxcala
 
Frida Kahlo
Due donne, Herminia e Salvadora, 1928
Olio su tela
Collezione privata
Courtesy Mary Anne Martin Fine Art, New York
 
Frida Kahlo
Ritratto di signora in bianco, 1929 circa
Olio su tela
Berlino, Private collection
 
Frida Kahlo
Ritratto di Jean Wight, 1931
Olio su tela
San Francisco, Collection of Gretchen and John Berggruen
 
Frida Kahlo
Ritratto del Dottor Leo Eloesser,1931
Olio su Masonite
San Francisco, University of California,
San Francisco School of Medicine,
San Francisco General Hospital
 
Frida Kahlo
Vetrina (In una via di Detroit), 1932
Olio su lamina metallica
Fiorella and Francisco Pérez Diaz Collection, Courtesy Gary Nader
 
Frida Kahlo
Autoritratto al confine fra il Messico e gli Stati Uniti d’America, 1932
Olio su lamina metallica
Colección Manuel y María Rodriguez de Reyero
 
Frida Kahlo
Autoritratto con collana, 1933

Olio su lamina metallica
The Jacques and Natasha Gelman Collection of 20th Century Mexican Art and The Vergel Foundation
 
Frida Kahlo
Ritratto di Diego Rivera, 1937
Olio su tela
The Jacques and Natasha Gelman Collection of 20th Century Mexican Art and The Vergel Foundation
 
Frida Kahlo
Autoritratto seduta sul letto o Io e la mia bambola,1937
Olio su lamina metallica
The Jacques and Natasha Gelman Collection of 20th Century Mexican Art and The Vergel Foundation
 
Frida Kahlo
I frutti della Terra, 1938
Olio su tela
Città del Messico, Colleción Banco Nacional de México
 
Frida Kahlo
Il cane Itzcuintli e io, 1938 circa
Olio su tela
Collezione privata
 
Frida Kahlo
Il Sopravvissuto, 1938
Olio su lamina metallica
Mexico, Colección Pérez Simón
 
Frida Kahlo
Autoritratto con collana di spine e colibrì, 1940
Olio su lamina metallica
Nickolas Muray Collection
Austin, University of Texas,
Harry Ransom Center
 
Frida Kahlo
Autoritratto con treccia, 1941
Olio su Masonite
The Jacques and Natasha Gelman Collection of 20th Century Mexican Art and The Vergel Foundation
 
Frida Kahlo
Ritratto di Marucha Lavin, 1942
Olio su rame
Collezione privata
 
Frida Kahlo
Ritratto di Lucha Maria, bimba tehuacana
o Il sole e la luna o Donna con mantellina, 1942
Olio su faesite
Mexico, Colección Pérez Simón
 
Frida Kahlo
Autoritratto con scimmie, 1943
Olio su tela
The Jacques and Natasha Gelman Collection of 20th Century Mexican Art and The Vergel Foundation
 
Frida Kahlo
Autoritratto come Tehuana
o Diego nei miei pensieri o Pensando a Diego, 1943
Olio su masonite
The Jacques and Natasha Gelman Collection of 20th Century Mexican Art and The Vergel Foundation
 
Frida Kahlo
La sposa che si spaventa vedendo la vita aperta, 1943
Olio su tela
The Jacques and Natasha Gelman Collection of 20th Century Mexican Art and The Vergel Foundation
 
Frida Kahlo
Autoritratto con scimmia, 1945
Olio su faesite
Cuernavaca, Robert Brady Museum
 
Frida Kahlo
Mosè o Nucleo Solare, 1945
Olio su faesite
Houston, Texas, Collezione privata
 
Frida Kahlo
Autoritratto, 1948
Olio su faesite
Collezione privata
 
Frida Kahlo
L’abbraccio amorevole dell’Universo, la Terra (il Messico),
Diego, io e il signor Xolotl, 1949
Olio su masonite
The Jacques and Natasha Gelman Collection of 20th Century Mexican Art and The Vergel Foundation
 
Frida Kahlo
Sguardi Natura morta Noci di cocco, 1951
Olio su faesite
Colección Instituto Nacional de Bellas Artes y Literatura / Museo de Arte Moderno, México
 
Frida Kahlo
Natura morta con pappagallo, 1951
Olio su tela
Nickolas Muray Collection
Austin, University of Texas,
Harry Ransom Center
 
Frida Kahlo
Natura morta con angurie, 1953
Olio su faesite
Colección Instituto Nacional de Bellas Artes y Literatura / Museo de Arte Moderno, México
 
Frida Kahlo
Autoritratto con l’immagine di Diego sul petto e Maria tra le sopracciglia 1953/1954
Olio su faesite
California, Collezione privata
 
Frida Kahlo
Autoritratto “Very Ugly”, 1933
Affresco montato su pannello
Collezione privata
 
Frida Kahlo
Il mio vestito è appeso là, o New York, 1933
Olio e collage su masonite
Monterrey, FEMSA


Frida Kahlo
Autoritratto dentro a un girasole,1954
Olio su tela montata su faesite
Collezione privata
 
Frida Kahlo
Autoritratti, 1925
Self‐Portraits
Matita e matita colorata su carta (recto e verso)
Collezione privata
 
Frida Kahlo
Bevitene un altro, 1925 circa
Acquarello su carta
Gobierno del Estado de Tlaxcala,
Instituto Tlaxcalteca de Cultura,Museo de Arte de Tlaxcala

Frida Kahlo
Ragazza di paese, 1925 circa
Acquarello su carta
Gobierno del Estado de Tlaxcala,
Instituto Tlaxcalteca de Cultura, Museo de Arte de Tlaxcala

Frida Kahlo
Frida a Coyoacán, 1927 circa
Acquarello su carta
Gobierno del Estado de Tlaxcala,
Instituto Tlaxcalteca de Cultura, Museo de Arte de Tlaxcala

Frida Kahlo
Frida a Coyoacán, 1927 circa
Disegno su carta
Gobierno del Estado de Tlaxcala,
Instituto Tlaxcalteca de Cultura, Museo de Arte de Tlaxcala

Frida Kahlo
La maschera greca, 1928 circa
Matita e inchiostro su carta
Washington, Luce Collection

Frida Kahlo
Cavalluccio messicano, 1928 circa
Acquarello su carta
Elva Podesta de Holm

Frida Kahlo
Piccola vita (II), 1928 circa
Acquarello su carta
Collezione privata

Frida Kahlo
Triplo autoritratto come bambina, adolescente e donna, 1931
Matita su carta
Collezione privata

Frida Kahlo
Bozzetto per “Henry Ford Hospital”, 1932
Matita su carta
Collezione privata
Courtesy Mary Anne Martin Fine Art, New York

Frida Kahlo
Il Sole splende attraverso la finestra, 1932
Matita e matita colorata
The Jacques and Natasha Gelman Collection of 20th Century Mexican Art and The Vergel Foundation

Frida Kahlo e Lucienne Bloch
Cadavere squisito (Crazy Cat), 1932 circa
Matita su carta
Collezione privata

Frida Kahlo e Lucienne Bloch
Cadavere squisito (Frida), 1932 circa
Matita su carta
Collezione privata

Frida Kahlo e Lucienne Bloch
Cadavere squisito (Diego), 1932 circa
Matita su carta
Collezione privata

Frida Kahlo e Lucienne Bloch
Diego e Frida. Il Bacio, 1932 circa
Matita su carta
Collezione privata

Frida Kahlo
Ritratto di Diego Rivera, 1933 circa
Carboncino su carta
Collezione privata

Frida Kahlo
Autoritratto disegnando, 1937 circa
Matita e matita colorata su carta
Collezione privata

Frida Kahlo
Babbo Natale, 1937 circa
Acquarello, matita e argento su carta
Colección Instituto Nacional de Bellas Artes y Literatura / Museo de Arte Moderno, México

Frida Kahlo
Antonio Kahlo Bambino, 1940 circa
Matita su carta
Washington, Luce Collection

Frida Kahlo
Una lettera, 1943
Tecnica mista su carta
The Jacques and Natasha Gelman Collection of 20th Century Mexican Art and The Vergel Foundation

Frida Kahlo
Cromoforo, auxocromo, 1944
Collage e inchiostro
The Jacques and Natasha Gelman Collection of 20th Century Mexican Art and The Vergel Foundation

Frida Kahlo
Autoritratto senza titolo sulla pagina del diario, 1945
Acquarello, carboncino, matita
Collezione private
Courtesy Mary Anne Martin Fine Art, New York

Frida Kahlo
Sinistri fantasmoni (pagina del diario), 1945 circa
Inchiostro e matita su carta (recto/verso)
New York, Mr. Álvarez Puga, Courtesy Alex Em / Fine Art

Frida Kahlo
11:25 (Carma I), 1946
Inchiostro seppia su carta
MS Rosario Arnaud de la Torre, Courtesy Alex EM / Fine Art, New York

Frida Kahlo
Dharma Chakra, 1946
Inchiostro seppia su carta
The Jacques and Natasha Gelman Collection of 20th Century Mexican Art and The Vergel Foundation

Frida Kahlo
Disegno con piede, 1946
Inchiostro blu e matita su carta
The Jacques and Natasha Gelman Collection of 20th Century Mexican Art and The Vergel Foundation

Frida Kahlo
Maschere,1946
Inchiostro seppia su carta
The Jacques and Natasha Gelman Collection of 20th Century Mexican Art and The Vergel Foundation

Frida Kahlo
Senza Titolo (Le tre Frida), 1946
Inchiostro seppia su carta
Collezione privata


Frida Kahlo
Il grande indeciso, 1946 circa
Matita su carta
Collezione privata
Courtesy Mary Anne Martin Fine Art, New York


Frida Kahlo
La coppa, 1946 circa
Inchiostro seppia su carta
Colleción Rina Lazo y Arturo Garcia Bustos

Frida Kahlo
Senza titolo (Carma), 1946 circa
Inchiostro seppia su carta
Collezione privata

Frida Kahlo
Disegno a tema bellico. La rottura, 1946
Inchiostro seppia su carta
Collezione privata

Frida Kahlo
Autoritratto, 1946 circa
Matita su carta
Jorge y Maricarmen Ramos, Courtesy Pablo Goebel Fine Art Collection

Frida Kahlo
Frida riceve il Gran Premio Nazionale dal Presidente Avila Camacho,
con José Clemente Orozco
Tre stampe su gelatina d’argento, con disegno a inchiostro color seppia sul verso
Collezione privata

Frida Kahlo
Ritratto di Arcady Boitler, 1947 circa
Matita su carta
The Jacques and Natasha Gelman Collection of 20th Century Mexican Art and The Vergel Foundation

Frida Kahlo
Casa in fiamme, 1947 circa
Matita su carta
Collezione privata

Frida Kahlo
Oggetto in parti, 1947 circa
Matita su carta
Collezione privata

Frida Kahlo
Ritratto di Irene Bohus, 1947 circa
Matita su carta
Collezione privata

Frida Kahlo
Casa serena, 1947 circa
Matita su carta
Collezione privata

Frida Kahlo
Casa (Disegno senza titolo), 1947 circa
Matita su carta
Washington, National Museum of Women in the Arts,
Betty Boyd Dettre and Center Special Collections,Frida Kahlo Papers

Frida Kahlo
Autoritratto come una vulva, 1947 circa
Carboncino e matita colorata su carta, all’interno di un libro
di autografi
Collezione privata

Frida Kahlo
Il cielo, la terra, io e Diego, ante 1949
Acquarello e inchiostro su carta
Colección Instituto Nacional de Bellas Artes y Literatura / Museo Estudio Diego Rivera, México
Frida Kahlo
La Statua della Libertà, 1950 circa
Matita colorata su carta
Washington, Luce Collection

Frida Kahlo
La Libertà, lavoratori di tutto il mondo, unitevi,1945
Inchiostro seppia, matita e matita colorata su carta
Collezione privata

Frida Kahlo
Paesaggio (III), 1951 circa
Acquarello su carta
Collezione privata

Frida Kahlo
Bozzetto per Congresso Internazionale dei Popoli per la Pace, 1952
Inchiostro e matita colorata su carta (recto e verso)
Collezione privata, Courtesy Pablo Goebel Fine Art

Frida Kahlo
Collage con due mosche, 1953 circa
Collage e acquarello su cartoncino
The Jacques and Natasha Gelman Collection of 20th Century Mexican Art and The Vergel Foundation

Frida Kahlo
Autoritratto con colomba e lemniscata, 1954
Matita colorata su cartoncino (verso e recto)
Collezione privata, USA

Frida Kahlo
Dalla serie “Le emozioni”, 1949‐1950 circa
Patty and Jim Cownie Collection
Amore
Matita su carta
Inquietudine
Matita colorata su carta
Paura
Matita colorata su carta
Angoscia
Matita colorata su carta
Odio
Matita colorata su carta
Riso
Matita colorata su carta
Senza Titolo
Matita colorata su carta
Pace
Matita colorata su carta
Panico
Matita colorata su carta
Dolore
Matita colorata su carta
Gioia
Matita colorata su carta
 
Frida Kahlo
Due donne, 1925
Incisione
Ernesto Hernández Bordes, Caracol de distancias,
ed. Miguel N. Lira, México, 1933
Collezione privata, USA
Frans Masereel
Die Idee 1924
84 silografie, Munich 1924
Collezione private

Frida Kahlo
Frida e l’aborto, 1932
Litografia su carta
Collezione privata

Frida Kahlo
Frida e l’aborto, 1932
Litografia su carta
The Jacques and Natasha Gelman Collection of 20th Century Mexican Art and The Vergel Foundation

Frida Kahlo
Frida e l’aborto, 1932
Litografia su carta
The Jacques and Natasha Gelman Collection of 20th Century Mexican Art and The Vergel Foundation
 
Frida Kahlo
Corsetto di gesso e bende con falce e martello, 1950 circa
Olio su gesso
Jan Handrickx
 
Florence Arquin
Frida con il corsetto, 1941
Stampa alla gelatina d’argento
Courtesy by Throckmorton Fine Art

Florence Arquin
Senza Titolo. Frida Kahlo a Coyoacán, 1940 circa
Cibachrome
Courtesy by Throckmorton Fine Art

Lucienne Bloch
Frida al Barbizon Plaza Hotel, 1931
Stampa alla gelatina d’argento
The Jacques and Natasha Gelman Collection of 20th Century Mexican Art and The Vergel Foundation

Lucienne Bloch
Frida davanti al murale
dell’Unità Panamericana, 1933
Stampa alla gelatina d’argento
Collezione privata

Lucienne Bloch
Frida sul treno in viaggio per il Messico, 1937
Stampa alla gelatina d’argento
Collezione privata

Fotografo anonimo
Frida Kahlo e Diego Rivera nel cortile interno
del Detroit Institute of Arts, 1932
Stampa alla gelatina d’argento
Washington, Archives of American Art, Smithsonian Institution

Hector García
Frida con il dipinto Love Embrace, 1949
Stampa alla gelatina d’argento
The Jacques and Natasha Gelman Collection of 20th Century Mexican Art and The Vergel Foundation

Nickolas Muray
Frida Kahlo a New York, 1946
Stampa carbografica inchiostrata
The Jacques and Natasha Gelman Collection of 20th Century Mexican Art and The Vergel Foundation

Manuel Álvarez Bravo
Frida Kahlo alla mostra di Picasso
al Museo di Arte Moderna di Città del Messico, 1944
Stampa alla gelatina d’argento
Courtesy by Throckmorton Fine Art

Dora Maar
Frida Kahlo, 1939
Stampa alla gelatina d’argento
New York, Mark Kelman

Leo Matiz
Frida nel giardino, 1941
Piezografia
Città del Messico, Collezione Matiz

Leo Matiz
Frida a Tizapán,1941
Stampa al platino
Città del Messico, Collezione Matiz

Leo Matiz
Frida e Rosa, 1941
Piezografia
Città del Messico, Collezione Matiz

Leo Matiz
Frida che prende il sole, 1941
Stampa al platino
Città del Messico, Collezione Matiz

Leo Matiz
Frida in giardino, sorridente, 1941
Piezografia
Città del Messico, Collezione Matiz

Leo Matiz
Frida a Xochimilco, 1941
Stampa al platino
Città del Messico, Collezione Matiz

Leo Matiz
Frida, Cristina, Diego e Rosa, 1941
Piezografia
Città del Messico, Collezione Matiz

Leo Matiz
Frida che beve una birra, 1941
Piezografia
Città del Messico, Collezione Matiz

Martin Munkácsi
Diego e Frida, 1934
Stampa alla gelatina d’argento
The Jacques and Natasha Gelman Collection of 20th Century Mexican Art and The Vergel Foundation

Nickolas Muray
Frida Kahlo con rebozo rosso, 1939
Stampa carbografica inchiostrata
The Jacques and Natasha Gelman Collection of 20th Century Mexican Art and The Vergel Foundation

Nickolas Muray
Frida Kahlo sulla panca,1938
Stampa carbografica inchiostrata
The Jacques and Natasha Gelman Collection of 20th Century Mexican Art and The Vergel Foundation 
Nickolas Muray
Frida Kahlo con un vestito azzurro, 1939
Stampa carbografica inchiostrata
The Jacques and Natasha Gelman Collection of 20th Century Mexican Art and The Vergel Foundation

Nickolas Muray
Frida Kahlo e i suoi allievi (Alberto Veraza, Guillermo Monroy,
Fanny Rabel, Arturo Garcia Bustos, Arturo Estrada) a Texcoco,1944
Stampa alla gelatina d’argento
Collezione privata

Nickolas Muray
Frida Kahlo e Diego, Coyoacán, 1938
Stampa alla gelatina d’argento
Collezione privata

Nickolas Muray
Frida Kahlo, 1941
Stampa carbografica inchiostrata
Collezione privata

Nickolas Muray
Frida Kahlo, 1941
Stampa carbografica inchiostrata
Collezione privata

Nickolas Muray
Frida Kahlo dipinge Las dos Fridas, 1939
Stampa carbografica inchiostrata
Collezione privata

Nickolas Muray
Frida Kahlo, 1939
Stampa carbografica inchiostrata
Collezione privata

Nickolas Muray
Frida Kahlo, 1938
Stampa alla gelatina d’argento
Collezione privata

Nickolas Muray
Frida Kahlo e Diego, Coyoacán, 1939
Stampa al platino
Collezione privata

Nickolas Muray
Frida e Granizo, Coyoacán, 1939
Stampa al platino
Collezione privata

Nickolas Muray
Frida e Granizo, 1939
firmato Frida Kahlo e dedicato ad Alice Rahon
Fotografia vintage. Stampa alla gelatina d’argento
New York, Collezione Mary Ann Martin

Bernhard Silberstein
Frida dipinge il suo autoritratto mentre Diego la osserva, 1940
Stampa alla gelatina d’argento
The Jacques and Natasha Gelman Collection of 20th Century Mexican Art and The Vergel Foundation

Nickolas Muray
Justino Fernandez, Rose Covarrubias e Cristina Kahlo
fanno visita a Frida Kahlo in ospedale, 1930
Stampa alla gelatina d’argento
Collezione privata

Victor Reyes
Nozze di Frida e Diego, Coyoacan, 1929
Fotografia vintage, Stampa alla gelatina d’argento
Courtesy by Throckmorton Fine Art

Nickolas Muray
Frida e Nickolas Muray nello studio.
Sul cavalletto Io e i miei pappagalli, 1941
Stampa alla gelatina d’argento
Collezione privata

Abraham Angel
(El Oro, Città del Messico 1905 / Città del Messico, 1924)
Il ciuccio, 1923
Olio su cartone
Colección Instituto Nacional de Bellas Artes y Literatura / Museo de Arte Moderno, México

Giorgio de Chirico
(Vòlo, 1888 / Roma, 1978)
Il sognatore poetico, 1937
Olio su tela
Jerusalem, The Israel Museum of Art

Sposa di Papantla (Ritratto di Rosalba Porres), 1944
Olio su tela
The Jacques and Natasha Gelman Collection
of 20th Century Mexican Art and The Vergel Foundation

Invito all’asta di beneficenza in favore della pittrice
Maria Izquierdo, con un disegno di Frida Kahlo, 1948
Matita su carta
Washington, Luce Collection

Maria Izquierdo
(San Juan de los lagos, Jalisco, 1902 / Città del Messico 1955)
Natura viva, 1946
Olio su tela
The Jacques and Natasha Gelman Collection of 20th Century Mexican Art and The Vergel Foundation

Augustin Lazo
(Città del Messico 1896 / 1971)
La Giustizia, 1930
Gouache e inchiostro su carta
Collezione privata, Courtesy Pablo Goebel Fine Arts

Carlo Mense
(Rheine, Westfalia / 1965 Königswinter)
Il pittore Heinrich Maria Davringhausen, 1922
Olio su tela
Colonia, Museo Ludwig

Carlos Orozco Romero
(Guadalajara, Jalisco, 1896 / Città del Messico, 1984)
Protesta, 1939
Olio, gouache e matita su tela
The Jacques and Natasha Gelman Collection of 20th Century Mexican Art and The Vergel Foundation

Roland Penrose
(Londra, 1900 / 1984)
Notte e Giorno, 1937
Olio su tela
Chiddingly, GB, The Penrose Collection

Roland Penrose
(Londra, 1900 / 1984)
Disegno preparatorio per Winged Domino. Ritratto di Valentine, 1937 circa
Matita su carta
Chiddingly, GB, The Penrose Collection

Diego Rivera
(Guanajuato, Messico 1886 / Città del Messico 1957)
Ultima ora, 1915
Olio su tela
The Jacques and Natasha Gelman Collection of 20th Century Mexican Art and The Vergel Foundation

Diego Rivera
(Guanajuato, Messico 1886 / Città del Messico 1957)
Nudo (Frida Kahlo), 1930
Litografia su carta
The Jacques and Natasha Gelman Collection of 20th Century Mexican Art and The Vergel Foundation

Diego Rivera
(Guanajuato, Messico 1886 / Città del Messico 1957)
Nudo con capelli lunghi (Dolores Olmedo), 1930
Litografia su carta
The Jacques and Natasha Gelman Collection of 20th Century Mexican Art and The Vergel Foundation

Diego Rivera
(Guanajuato, Messico 1886 / Città del Messico 1957)
Paesaggio con cactus, 1931
Olio su tela
The Jacques and Natasha Gelman Collection of 20th Century Mexican Art and The Vergel Foundation

Diego Rivera
(Guanajuato, Messico 1886 / Città del Messico 1957)
Ritratto di Cristina Kahlo, 1934
Pastello su carta
The Jacques and Natasha Gelman Collection of 20th Century Mexican Art and The Vergel Foundation

Diego Rivera
(Guanajuato, Messico 1886 / Città del Messico 1957)
Venditrici di calle, 1943
Olio su masonite
The Jacques and Natasha Gelman Collection of 20th Century Mexican Art and The Vergel Foundation

Diego Rivera
(Guanajuato, Messico 1886 / Città del Messico 1957)
Ritratto di Natasha Gelman, 1943
Olio su tela
The Jacques and Natasha Gelman Collection of 20th Century Mexican Art and The Vergel Foundation

Gino Severini
(Cortona , 1883 / Parigi, 1966)
Ritratto di Jeanne, 1916
Olio su tela
Roma, Collezione Laureati Briganti

David Alfaro Siqueiros
(Camargo 1896 / Cuernavaca, 1974)
Siqueiros di Siqueiros, 1930
Olio su tela
The Jacques and Natasha Gelman Collection of 20th Century Mexican Art and The Vergel Foundation

Remedios Varo
(Anglès, 1908 / Città del Messico, 1963)
Ricordo della “Valchiria”, 1938
Tempera su carta fissata su cartone
Miami, Collezione privata