Capolavori del Museo d'Orsay in mostra a Roma
Musée d’Orsay. Capolavori
Capolavori dal Museo d'Orsay: Gauguin, Monet, Degas, Sisley, Pissarro, Van Gogh, Manet, Corot, Seurat e molti altri

22 febbraio / 8 giugno 2014 MOSTRA PROROGATA AL 22 GIUGNO 2014
Complesso del Vittoriano, Via San Pietro in Carcere (Fori Imperiali) Roma
Mostre a Roma
Mostre a Roma
VISITE GUIDATE:
- INDIVIDUALI
- GRUPPI


PRESENTAZIONE

Condividi Dal 22 febbraio al 22 giugno 2014 il Complesso del Vittoriano presenta la grande mostra “Musée d’Orsay. Capolavori”.
L’esposizione porta per la prima volta a Roma straordinarie opere realizzate tra il 1848 e il 1914 dai grandi maestri francesi, Gauguin, Monet, Degas, Sisley, Pissarro, Van Gogh, Manet, Corot, Seurat e molti altri, proponendo un percorso artistico che - attraverso una selezione di settanta opere - parte dalla pittura accademica dei Salon e attraversa la rivoluzione dello sguardo impressionista fino ad arrivare alle soluzioni formali dei Nabis e dei Simbolisti.

“Musée d’Orsay. Capolavori”, curata da Guy Cogeval e da Xavier Rey, è articolata in cinque sezioni: la prima è incentrata sull’arte dei Salon, nucleo originario della collezione; la seconda illustra il rinnovamento della pittura di paesaggio ad opera della Scuola di Barbizon, che apre la strada allo studio impressionista della natura; quindi la sezione dedicata alla modernità ritratta dagli impressionisti, che conferirono dignità di genere a balli, scene di vita in società e scorci di vita privata; infine l’evolversi del linguaggio pittorico post impressionista: la pittura Simbolista, il sintetismo di Gauguin, la bidimensionalità dei Nabis, fino ad arrivare alle avanguardie del XX secolo.

La storia delle avanguardie e della modernità sarà preceduta da una presentazione inedita dell’affascinante racconto di come una ex stazione ferroviaria nel cuore di Parigi sia divenuta uno dei musei più importanti al mondo. Dalle diverse origini delle sue collezioni alla costruzione dell’edificio per l’Esposizione Universale del 1900 fino alle trasformazioni successive, con una particolare attenzione al fondamentale lavoro di allestimento e museografia realizzato nel 1986 dall’architetto italiano Gae Aulenti, scomparsa l’anno scorso.

Capolavori dal Museo d'Orsay in mostra al Complesso del Vittoriano a Roma
INFORMAZIONI GENERALI

COSTO BIGLIETTI

INDIVIDUALI
Intero : EURO 12.00
Ridotto over 65 anni / under 26: EURO 9.00
Bambini under 6 anni: ingresso gratuito (NON PRENOTABILI tramite la Coop. IL SOGNO)
Disabili: disabililità superiore al 75% ingresso gratuito (NON PRENOTABILI tramite la Coop. IL SOGNO), disabilità entro il 75% ingresso ridotto 9.00 euro (NON PRENOTABILI tramite la Coop. IL SOGNO)


CATEGORIE DI RIDUZIONE:

- UNDER 26 e OVER 65: Portare con sé un documento di riconoscimento il giorno di visita;
- MILITARI: Portare con sé regolare tessera di riconoscimento il giorno di visita;
- GIORNALISTI: Portare con sé tessera dell’ordine nazionale il giorno di visita;
- POSSESSORI CARD: TITOLARI DI CARTA FEDELTA’ TRENITALIA, BIGLIETTO EUROSTAR E FRECCE (arrivo a Roma), CARTE FRECCE TRENITALIA, ASS. SANTA CECILIA, BIBLIOCARD, TEATRO-ELISEO, INTERCLUB, ROMA PASS - Portare con se la tessera nominale il giorno di visita;
- DIPENDENTI: CINECITTA’ LUCE, ENI, LOTTOMATICA - Portare con se il tesserino aziendale il giorno di visita;
Ingresso gratuito per: BAMBINI FINO AI 6 ANNI.

GRUPPI E SCUOLE
7 euro + 1.00 euro spese d'agenzia + 30.00 Euro Prevendita Turno Gruppo (Max 25 pax)

PER I GRUPPI E' OBBLIGATORIA LA GUIDA (prenotabile anche tramite nostra agenzia)


AVVERTENZE!

Per la prenotazione è necessario inviare una mail o compilare la form di richiesta. Alla conferma è necessario procedere al pagamento con le modalità sottoindicate. Al pagamento riceverete un voucher da consegnare alla mostra per ritirare i vostri biglietti.

  • DOPO IL PAGAMENTO (COMPRESO INSERIMENTO DATI CARTA DI CREDITO), ATTENDERE IL VOUCHER

  • SI RICORDA CHE LA PRENOTAZIONE NON È VALIDA SENZA LA PRESENTAZIONE DEL VOUCHER CHE VI VERRÀ INVIATO DOPO IL PAGAMENTO

  • PER LE VISITE DEL VENERDI SERA LA PRENOTAZIONE PUÒ ESSERE FATTA SOLO ENTRO VENERDI ALLE ORE 17.00 (ORARIO CHIUSURA UFFICI)

  • PER I SABATI E LE DOMENICHE ED I FESTIVI LA PRENOTAZIONE PUÒ ESSERE FATTA SOLO ENTRO SABATO ALLE ORE 12.00 (ORARIO CHIUSURA UFFICI)

  • PRESENTARSI ALLA MOSTRA SOLO CON IL VOUCHER ED EVENTUALI DOCUMENTI ATTESTANTI LE RIDUZIONI

  • LA PRENOTAZIONE NON È AUTOMATICA. ATTENDERE L'INVIO DEL VOUCHER DA PARTE DELL'OPERATORE

IL BIGLIETTO È VALIDO PER L'INTERO GIORNO DI PRENOTAZIONE

MODALITA' DI PAGAMENTO

COME ARRIVARE
Tutti i bus per il centro storico: 81, 85, 87, 186, 571, 810, 850, fermata Piazza Venezia
Metro B fermata Colosseo
Calcola il percorso

ORARI
Dal lunedì al giovedì 9.30 –19.30;
venerdì e sabato 9.30 – 23.00;
domenica 9.30 – 20.30
Ultimo ingresso un'ora prima

Per prenotazioni :

COOP. IL SOGNO
Viale R.Margherita, 192 00198 - Rome (Italy)
Ph. +39/0685301758 Fax +39/0685301756
Email: service@romeguide.it

Capolavori dal Museo d'Orsay in mostra al Complesso del Vittoriano a Roma
Capolavori dal Museo d'Orsay in mostra al Complesso del Vittoriano a Roma

DESCRIZIONE

Dal 22 febbraio al 22 giugno 2014 il Complesso del Vittoriano presenta la grande mostra “Musée d’Orsay. Capolavori”. L’esposizione porta per la prima volta a Roma straordinarie opere realizzate tra il 1848 e il 1914 dai grandi maestri francesi, GauguinMonet, Degas, Sisley, Pissarro, Van Gogh, Manet, Corot, Seurat e molti altri, proponendo un percorso artistico che – attraverso una selezione di settanta opere – parte dalla pittura accademica dei Salon e attraversa la rivoluzione dello sguardo impressionista fino ad arrivare alle soluzioni formali dei nabis e dei simbolisti.

La storia delle avanguardie e della modernità sarà preceduta dall’inedito racconto di come una ex stazione ferroviaria nel cuore di Parigi sia divenuta uno dei musei più importanti al mondo. Dalle diverse origini delle sue collezioni alla costruzione dell’edificio per l’Esposizione Universale del 1900 fino alle trasformazioni successive, con una particolare attenzione al fondamentale lavoro di allestimento e museografia realizzato nel 1986 dall’architetto italiano Gae Aulenti, scomparsa l’anno scorso.

“Musée d’Orsay. Capolavori”, curata da Guy Cogeval e da Xavier Rey, è articolata in cinque sezioni: la prima è incentrata sull’arte dei Salon, nucleo originario della collezione, che viene posta a confronto diretto con l’allora emergente arte realista, al tempo disprezzata; il rinnovamento della pittura accademica da parte di artisti come Cabanel, Bouguereau ed Henner, che ottennero grande successo tra il 1860 e il 1870, si svolge parallelo alla nascita e all’affermarsi della pittura realista di Courbet.

La seconda sezione illustra i cambiamenti apportati alla pittura di paesaggio dalla Scuola di Barbizon, che danno inizio allo studio impressionista della luce. I pittori che popolano la foresta di Barbizon aprono la strada, attraverso le loro ricerche atmosferiche, al paesaggio impressionista, pur mantenendo nelle loro opere una certa poesia. È infatti proprio a Barbizon che Monet e il suo amico Bazille realizzano i loro primi capolavori e sperimentano quella decisiva frammentazione della pennellata che sarà a fondamento della resa della luce realizzata dagli impressionisti.

Seguirà quindi la sezione dedicata alla modernità ritratta dagli impressionisti. Malgrado il loro interesse per la resa degli effetti della luce en plein air, le loro opere non si limitano ai paesaggi di campagna e ai suoi piaceri. Al contrario, gli impressionisti cercano una corrispondenza tra la modernità della loro tecnica e i soggetti rappresentati. Parigi, simbolo d’eccellenza della trasformazione operata dall’industrializzazione e dal progresso della tecnica, offre loro molteplici e nuovi soggetti pittorici. “La nuova pittura”, come viene chiamato l’impressionismo, deve abbandonare i modelli antichi ereditati dal passato per stare al passo con l’accelerazione storica della civiltà del xix secolo.

La mostra seguirà poi l’evolversi del linguaggio pittorico della seconda metà dell’Ottocento nella sua declinazione simbolista. Questo movimento, difficile da descrivere potendo assumere numerose forme e occuparsi di diversi generi, come ritratti, scene di costume o paesaggi, testimonia un sentimentalismo insistito. Dopo aver a lungo meditato sulla lezione impressionista, i pittori che seguirono Gauguin a Pont Aven, in una Bretagna allora percepita ancora lontana dalle grandi trasformazioni del secolo, come il gruppo dei nabis, inventarono un nuovo registro di forme, dando alle loro opere un particolare contenuto emotivo.

Ed infine la mostra si concluderà con l’eredità lasciata dall’impressionismo, il cui valore postumo è immenso e quasi immediato. A partire dagli anni 1880 i pointillisti spingono al limite la separazione delle macchie cromatiche portata avanti dagli impressionisti. Alcuni impressionisti abbandonano il realismo, come Monet, i cui colori sono sempre più indipendenti dalla natura e stesi con un numero crescente di pennellate. L’abbandono della prospettiva è ormai definitivo e le sperimentazioni si moltiplicano, dal cloisonnisme di Gauguin ai nabis, che riaffermano la dimensione decorativa della pittura in opere di grande formato. In un certo senso si ritrova, grazie alla complessità delle nuove tecniche, la maestà e la grandezza della pittura classica e, allo stesso tempo, un’apertura alle avanguardie del XX secolo.

Capolavori dal Museo d'Orsay in mostra al Complesso del Vittoriano a Roma
Paul Gauguin, Le repas dit aussi Les bananes 1891 Paul Guigou Lavandière / Lavandaia Pierre Bonnard La loge / Il palco Edgar Degas L'orchestre de l’Opéra / L’Orchestra dell’Opéra
Capolavori dal Museo d'Orsay in mostra al Complesso del Vittoriano a Roma
Odilon Redon Plante verte dans une urne / Pianta verde in un’urna Pierre Auguste Renoir Jeunes filles au piano Edgard Degas, Ballerine che salgono la scala 1870 ca.

Per prenotazioni :

COOP. IL SOGNO
Viale R.Margherita, 192 00198 - Rome (Italy)
Ph. +39/0685301758 Fax +39/0685301756
Email: service@romeguide.it