Metropolitana di Roma
Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
LINEA A
LINEA B
LINEA C
LINEA D
direzione ANAGNINA
BATTISTINI
CORNELIA
BALDO DEGLI UBALDI
VALLE AURELIA
CIPRO - MUSEI VATICANI
OTTAVIANO S.PIETRO
LEPANTO
FLAMINIO
P.ZA DI SPAGNA
BARBERINI
REPUBBLICA
TERMINI
VITTORIO EMANUELE
MANZONI - MUSEO DELLA LIBERAZIONE
S. GIOVANNI
RE DI ROMA
PONTE LUNGO
FURIO CAMILLO
COLLI ALBANI
ARCO DI TRAVERTINO
PORTA FURBA - QUADRARO
NUMIDIO QUADRATO
LUCIO SESTIO
GIULIO AGRICOLA
SUBAUGUSTA
CINECITTA
ANAGNINA
direzione BATTISTINI
direzione LAURENTINA
REBIBBIA
PONTE MAMMOLO
S.M. SOCCORSO
PIETRALATA
MONTI TIBURTINI
QUINTILIANI
TIBURTINA
P.ZA BOLOGNA
POLICLINICO
C. PRETORIO
TERMINI
CAVOUR
COLOSSEO
CIRCO MASSIMO
PIRAMIDE
GARBATELLA
BASILICA S.PAOLO
MARCONI
EUR MAGLIANA
EUR PALASPORT
EUR FERMI
LAURENTINA
direzione REBIBBIA

Le fermate previste entro il 2011 sono:
Pantano
Graniti
Finocchio
Bolognetta
Borghesiana
Fontana Candida
Grotte Celoni
Torre Gaia
Torre Angela
Giardinetti
Giglioli
Torre Spaccata
Alessandrino

Entro il 2012:
Parco di Centocelle corrispondenza Linea Roma-Pantano
Mirti
Gardenie
Teano
Malatesta
Pigneto (incrocio con la ferrovia suburbana FR1)
Lodi

Data da definirsi: San Giovanni (incrocio con Metro A)

Entro il 2013:
Amba Aradam
Colosseo (incrocio con Metro B)
Venezia
Chiesa Nuova
San Pietro
Risorgimento
Ottaviano - San Pietro - Musei Vaticani (incrocio con Metro A)
Clodio-Mazzini

Le altre stazioni previste (sempre entro il 2015) sono:
Vignola
Auditorium
Farnesina
Giochi Istmici
Giochi Delfici
Parco di Veio
Villa San Pietro
Tomba di Nerone
Grottarossa
Inizio lavori previsto per il 2010:

Agricoltura
EUR Magliana (incrocio con Metro B e ferrovia Roma-Lido))
Magliana Nuova
Roma Tre
Fermi
Trastevere (incrocio con ferrovie suburbane FR1 e FR3)
Nievo
Sonnino
Venezia (incrocio con Metro C)
San Silvestro
Spagna (incrocio con Metro A)
Fiume
Buenos Aires
Verbano
Vescovio
Salario (incrocio con ferrovia suburbana FR1)
Prati Fiscali
Jonio (incrocio Metro B1)
Adriatico
Talenti
Pugliese
Ojetti

La metropolitana di Roma si compone di due linee propriamente dette (A e B) di lunghezza complessiva di 38 km, più altre due linee suburbane ed una linea metro-tranviaria.

Storia

La prima metropolitana a Roma fu progettata e iniziata negli anni '30 durante il governo fascista, allo scopo di offrire un collegamento rapido tra la Stazione Termini, situata al centro della città e il nuovo quartiere denominato E42, dove avrebbe dovuto tenersi l'Esposizione Universale del 1942. La manifestazione non ebbe mai luogo a causa dell'entrata in guerra dell'Italia nel 1940. Al momento dell'interruzione dei lavori erano già state realizzate alcune gallerie (nel tratto che va da Termini a Piramide) che furono utilizzate come rifugi antiaerei.

I lavori ripresero nel 1948, contemporaneamente all'avanzamento dei lavori nell'ex-area dell'esposizione che mutò parzialmente fisionomia, destinazione (divenendo un riuscito quartiere direzionale) e nome (EUR). La linea venne inaugurata a Termini il 9 febbraio 1955 dal Presidente della Repubblica Luigi Einaudi, mentre il servizio regolare iniziò il giorno successivo .

Della costruzione di una rete metropolitana a Roma, sul modello di altre città come Londra e Parigi si parlava già da molto tempo, tuttavia numerose cause (burocrazia, dissidi sui tracciati, continue revisioni ai piani regolatori, difficoltà nei lavori, scoperte archeologiche) ne ritardarono gravemente lo sviluppo.

Fu solo nel 1959 che una legge approvò la costruzione di una seconda linea metropolitana, dalla zona di Osteria del Curato (più nota come Anagnina) fino al quartiere Prati, passando per il centro di Roma e incrociando la linea preesistente a Termini.

I lavori iniziarono nel 1964 dalla zona della Tuscolana e furono complicati da una serie di ritardi e imprevisti, dovuti principalmente alla scarsa organizzazione. Innanzitutto, fu inizialmente prevista una tecnica di scavo a cielo aperto, che provocò gravi disagi al traffico della zona sud-est di Roma.
I lavori furono interrotti e ripresero solo 5 anni più tardi con il metodo della "talpa" che, pur risolvendo parzialmente il problema traffico, provocò numerosi danni ai fabbricati nei pressi del tracciato a causa delle forti vibrazioni dovute allo scavo.
Furono inoltre frequenti i ritrovamenti archeologici durante i lavori, in particolare nella zona di Piazza della Repubblica che richiese la progettazione di una variante. I ruderi messi a nudo sono visibili nella stazione Repubblica protetti da teche di cristallo.
Del lavoro della talpa e degli "incidenti archeologici" connessi diede una memorabile rappresentazione Fellini, nel suo film Roma.

La linea entrò in servizio nel 1980, da Anagnina a Ottaviano e prese il nome di "Linea A", mentre la linea Termini-Laurentina fu chiamata "Linea B".

All'inizio degli anni novanta entrò in servizio un prolungamento della linea B, da Termini a Rebibbia e contemporaneamente il tratto preesistente fu radicalmente rimodernato. Fu inoltre raddoppiato il binario dalla stazione "Eur Fermi" a Laurentina ed aperta una nuova stazione "Marconi" (con conseguente ridenominazione della fermata "Eur Marconi" in "Eur Palasport"). Tra il 1999 e il 2000 entrò in servizio un prolungamento della linea A da Ottaviano a Battistini.

Nel mese di Ottobre 2006 si è verificato il primo incidente nella Metropolitana di Roma, tra due convogli di nuova concezione, ed ha provocato la morte di una donna ed il ferimento di oltre 200 persone. Per approfondire, vedi la voce: Incidente nella Metropolitana di Roma 2006

The Rome Metro (Italian: Metropolitana di Roma) is an underground public transportation system that operates in Rome, Italy. It opened in 1955. There are currently two lines, A line (identified by the orange colour) and B line (blue). A third service, the green C line, and a new branch of the B line, are currently under construction. Plans have also been revealed even for a fourth line. The current network (38 km) has an X-shape with the two currently existing line intersecting at Termini Station, the main train station in Rome.
The operator of the Rome's metro system, Met.Ro. - Metropolitana di Roma S.p.A., also operates several suburban rail services: the Roma-Lido, the Roma-Pantano and the Roma-Nord lines. The first of these the Roma-Lido line, which connects Rome to the sea at Ostia, is effectively part of the metro network, is run along similar lines and uses trains similar to those in service on the A and B lines. The Roma-Pantano line, although officially designated as a railway, is a narrow gauge tram line while the Roma-Nord line is a suburban railway.
There are 8 urban railways, operated by the italian railway company, Ferrovie dello Stato, that run inside Rome's urban area, connecting the center of the city with the peripheral areas.
Rome's metro system is considerably less developed when compared to many European capitals and has only 38 km of track in comparison to 150 km in Berlin and 400 km in London.

LINEA A

La Linea A della Metropolitana di Roma taglia obliquamente la città da nord-ovest a sud-est, ed i suoi capolinea sono Battistini (zona Boccea) e Anagnina (zona Osteria del Curato). È contraddistinta dal colore arancione. Incrocia la Linea B nella stazione Termini.
Lungo la linea A vengono effettuate 486 corse al giorno. La frequenza nelle ore di punta è di un treno ogni 2 minuti e mezzo; nelle altre ore scende a un treno ogni 4/5 minuti. Si stima che trasporti quotidianamente più di 450.000 passeggeri.
Nel 1959 venne approvata la costruzione di una seconda linea metropolitana nella città di Roma, dalla zona di Osteria del Curato (più nota come Anagnina) fino al rione Prati, passando per il centro di Roma e incrociando la preesistente linea (inaugurata nel 1955) alla Stazione Termini.
I lavori iniziarono nel 1964 dalla zona della Tuscolana e furono complicati da una serie di ritardi e imprevisti, dovuti principalmente alla scarsa organizzazione. Ad esempio la tecnica di scavo a cielo aperto, utilizzata inizialmente, provocò gravi disagi al traffico della zona sud-est di Roma.
I lavori furono così interrotti e ripresero solo 5 anni più tardi con il metodo della "talpa" che, pur risolvendo parzialmente il problema traffico, provocò numerosi danni ai fabbricati nei pressi del tracciato a causa delle forti vibrazioni dovute allo scavo.
Furono inoltre frequenti i ritrovamenti archeologici durante i lavori, in particolare nella zona di Piazza della Repubblica richiesero la progettazione di una variante. I ruderi messi a nudo sono visibili nella stazione "Repubblica - Teatro dell'Opera" protetti da teche di cristallo.
Del lavoro della talpa e degli "incidenti archeologici" connessi diede una memorabile rappresentazione Federico Fellini, nel suo film Roma.
La linea entrò in servizio il 16 febbraio 1980 da Anagnina a Ottaviano e prese il nome di "Linea A", mentre la preesistente linea Termini-Laurentina fu chiamata "Linea B".
Tra il 1999 e il 2000 entrò in servizio il prolungamento della linea A da Ottaviano a Battistini, i cui lavori erano cominciati agli inizi degli anni '90.

Le date delle aperture:

19 febbraio 1980: Ottaviano– Cinecittà
11 giugno 1980: Cinecittà – Anagnina
29 maggio 1999: Ottaviano – Valle Aurelia
1 gennaio 2000: Valle Aurelia – Battistini

The A line connects the north-west of the city with the south-east. It currently has 27 stations with terminuses at Battistini and Anagnina. Its distinguished by the colour orange.
Approval was given for the construction of the Rome's second metro line in 1959. Subsequently called the A line it would run roughly perpendicularly to the existing metro line, now called the B line.
Works on the A line began in 1964 in the Tuscolana area but were subject to a series of delays caused by poor organisation. Above all, the originally planned method of construction of cut and cover posed serious problems for road traffic in south-east Rome. Work on the metro was suspended and began again 5 years later, using bored tunnels which partially resolved the traffic problems but caused numerous claims for compensation arising for vibrations caused by the boring machine. Work was also frequently interrupted by archaeological finds made during the excavations, particularly near Piazza della Repubblica.
The A line finally entered into service in February 1980. In the late 1990s it was extended from Ottaviano in Prati to Battistini to the west.

LINEA B

La Linea B della Metropolitana di Roma attraversa obliquamente la città da nord-est (capolinea: stazione Rebibbia, sita nell'omonima zona) a sud (capolinea: stazione Laurentina, sita nel quartiere Giuliano Dalmata, nei pressi del quartiere Europa). Incrocia la linea A in corrispondenza della stazione Termini.
Conta 22 stazioni ed è contraddistinta dal colore azzurro.
Il servizio inizia alle 05:30 e termina alle 23:30; dal 18 gennaio 2008, sia di venerdì che di sabato il servizio è prolungato fino alle 1:30.
Lungo la linea B vengono effettuate 377 corse al giorno. La frequenza nelle ore di punta è di un treno ogni 4,5 minuti; nelle altre ore scende a un treno ogni 6 minuti, con punte di attesa che arrivano al massimo a 10 minuti nei momenti di minore affluenza; si stima che trasporti quotidianamente più di 300.000 passeggeri.
La prima metropolitana a Roma fu progettata e iniziata negli anni '30 durante il governo fascista, allo scopo di offrire un collegamento rapido tra la stazione Termini (situata al centro della città) e il nuovo quartiere denominato E42 (l'attuale EUR), dove avrebbe dovuto aver luogo l'Esposizione Universale del 1942. Infatti la ferrovia avrebbe dovuto per questo motivo chiamarsi Ferrovia dell'E42 e le sue caratteristiche tecniche erano di standard ferroviario tranne che nell'altezza dei marciapiedi o banchine: pare che l'ispirazione a questo sistema possa derivare da una ferrovia suburbana parigina dell'epoca, la Ligne de Sceaux, che casualmente oggi è parte della parigina RER B, di colore blu. La manifestazione non ebbe mai luogo a causa dell'entrata in guerra dell'Italia, nel 1940. Al momento dell'interruzione dei lavori erano già state realizzate alcune gallerie (nel tratto che va da Termini a Piramide) che furono utilizzate come rifugi antiaerei.
I lavori ripresero nel 1948 (fu probabilmente allora che le venne attribuito l'appellativo di linea B, poi confermato dal piano regolatore del 1962), contemporaneamente all'avanzamento dei lavori nell'ex-area dell'esposizione che mutò parzialmente fisionomia, destinazione (divenendo un riuscito quartiere direzionale) e nome (EUR, in seguito Europa). La linea venne inaugurata alla stazione Termini il 9 febbraio 1955 dal Presidente della Repubblica Luigi Einaudi insieme al cardinale di Roma Clemente Micara: Il giorno successivo venne aperto l'esercizio al pubblico. Il primo tratto era strutturato così:
Termini con 2 binari, uno per salita (attuale direzione Laurentina), l'altro per discesa (poi partenze per il Lido, oggi per Rebibbia), ed un binario unico d'inversione.
Via Cavour (oggi Cavour)
Colosseo
Circo Massimo
Piramide Cestia (oggi Piramide)
Garbatella, dove c'era inizialmente un binario di collegamento con la Roma-Lido.
San Paolo Basilica (oggi Basilica San Paolo)
Magliana, oggi EUR Magliana, dove i treni diretti per il Lido lasciavano la linea per immettersi sulla ferrovia per Ostia.
Esposizione Est, poi rinominata "EUR Marconi" ed oggi Eur Palasport.
Esposizione Ovest, poi rinominata Eur Fermi: qui tutti i treni si fermavano.
Laurentina capolinea ufficiale, ma non tutte le corse arrivavano qui. La stazione attuale è stata totalmente ricostruita.
Della costruzione di una rete metropolitana a Roma, sul modello di altre città come Londra e Parigi, si parlava già da molto tempo; tuttavia numerose cause (burocrazia, dissidi sui tracciati, continue revisioni ai piani regolatori) ne ritardarono gravemente lo sviluppo.
Soltanto 25 anni dopo - nel 1980 - fu aperta una nuova linea da Anagnina a Ottaviano, che prese il nome di Linea A.
Nel 1990 entrò in servizio un prolungamento della linea B, da Termini a Rebibbia e, contemporaneamente, il tratto preesistente fu radicalmente rimodernato. Fu, inoltre, raddoppiato il binario dalla stazione Eur Fermi a Laurentina, ed aperta una nuova stazione, l'attuale "Marconi" (con conseguente ridenominazione della fermata "Eur Marconi" in "Eur Palasport").
Nel 2005 sono stati aperti i cantieri per la Linea B1, diramazione della linea B. La metà dei treni provenienti da Laurentina, verranno deviati verso Conca d'oro, e l'altra metà proseguirà verso Rebibbia. La linea sarà interamente sotterranea e sarà lunga 3,6 km. La messa in servizio della linea è prevista entro la metà del 2011.
Originariamente era prevista fino a Conca d'oro, nei primi giorni del 2007 la giunta comunale di Roma ha approvato il suo prolungamento fino a Piazzale Jonio; così facendo, il capolinea potrà diventare un nodo di scambio con la futura Linea D e, contemporaneamente, verrà compensata la mancata realizzazione della stazione "Nomentana" (prevista nel progetto iniziale) annullata per le condizioni critiche di realizzazione emerse nel corso delle operazioni che sono state svolte che avrebbero causato un rallentamento dei lavori ed un conseguente aumento dei costi[2]. Alla fine del mese di Febbraio 2008 la Commissione Eu­ropea ­ha aperto una procedura di in­frazione sui criteri di assegnazione delle gare di appalto, procedura che di fatto ha determinato la sospensione della realizzazione del prolungamento fino a Piazzale Jonio e della relativa stazione.
In tutto, oltre a "Bologna", le fermate previste sono:
Annibaliano
Libia/Gondar
Conca d'Oro
Jonio
La collocazione delle stazioni sarebbe:
Annibaliano: in Piazza Annibaliano (in corrispondenza di viale Eritrea)
Libia/Gondar: su viale Libia, all'altezza di Piazza Palombara Sabina
Conca d'Oro: nella omonima piazza
Jonio: nell'omonimo piazzale
Il 21 maggio 2008 è entrata in funzione la prima TBM, cioè la cosiddetta talpa che ha iniziato scavare la galleria partendo da piazza Conca D'Oro per arrivare a piazza Bologna

Notwithstanding its name, the B line was in fact the first metro line in Rome. The line B connects the north-east of the city with the south-west. It currently has 22 stations with terminuses at Rebibbia and Laurentina (just east of EUR). It's distinguished by the colour blue.
The B line was planned during the 1930s by the Fascist government in search of a rapid connection between the main train station, Termini, and a new district to the south-east of the city, E42, the planned location of the Universal Exposition (or Expo), which was to be held in Rome in 1942. The exposition never took place due to Italy's entrance into the Second World War in 1940. When works were interrupted some of the tunnels on the city-centre side of the metro (between Termini and Pyramide) had been completed and were used as air raid shelters during the war.
Work on the metro began again in 1948, in concert with works on turning the space, formerly designated for the Expo, into a commercial district under the name EUR. The metro was officially opened on 9 February 1955 by the then President of the Republic Luigi Einaudi. Regular services began on the following day.
In 1990 the B line was extended from Termini to Rebibbia to the east of the city and the entire line was modernised.

LINEA C

Nell'agosto 2006 sono stati aperti alcuni cantieri per i sondaggi archeologici prima della costruzione della linea. Nell'aprile 2007 è stato aperto il primo cantiere nel quartiere Prenestino-Labicano.
I capolinea saranno Pantano, nel comune di Monte Compatri, attuale capolinea delle "Ferrovie Laziali" e Grottarossa, sulla via Cassia. Inizialmente era previsto come capolinea la fermata Clodio-Mazzini, nel quartiere Della Vittoria, ma nel marzo 2007 è stato annunciato il prolungamento della linea lungo la via Cassia con ulteriori 9 stazioni, la lunghezza del tratto sarà di 34 km senza diramazioni.
La prima tratta San Giovanni - Alessandrino è in corso di realizzazione e sarà attivata entro il secondo semestre del 2012 fino alla stazione di Piazza Lodi, per il completamento fino alla stazione di San Giovanni non sono disponibili date ufficiali. Successivamente, per quella data è stata fissata anche l'apertura del rimanente tratto fino a Pantano. Entro il 2013 dovrebbe essere completata la parte di maggiore rilievo, tra San Giovanni, Colosseo, Piazza Venezia, Ottaviano e Piazzale Clodio. Sono previste future espansioni entro il 2015 verso la Farnesina e Grottarossa.
Le fermate previste entro il 2011 sono:
Pantano
Graniti
Finocchio
Bolognetta
Borghesiana
Fontana Candida
Grotte Celoni
Torre Gaia
Torre Angela
Giardinetti
Giglioli
Torre Spaccata
Alessandrino

Entro il 2012:
Parco di Centocelle corrispondenza Linea Roma-Pantano
Mirti
Gardenie
Teano
Malatesta
Pigneto (incrocio con la ferrovia suburbana FR1)
Lodi

Data da definirsi:
San Giovanni (incrocio con Metro A)

Entro il 2013:
Amba Aradam
Colosseo (incrocio con Metro B)
Venezia
Chiesa Nuova
San Pietro
Risorgimento
Ottaviano - San Pietro - Musei Vaticani (incrocio con Metro A)
Clodio-Mazzini

Le altre stazioni previste (sempre entro il 2015) sono:
Vignola
Auditorium
Farnesina
Giochi Istmici
Giochi Delfici
Parco di Veio
Villa San Pietro
Tomba di Nerone
Grottarossa
I convogli non avranno macchinisti a bordo (treni automatici VAL). Il sistema è già in uso nelle metropolitane di Copenaghen, Singapore, Parigi, Lione, Lilla e Torino ed è il sistema previsto per le linee in costruzione a Milano, Brescia e Catania.
La linea prevede 30 stazioni di cui quella di San Giovanni e quella di Ottaviano saranno in corrispondenza con la Linea A, mentre la corrispondenza con la linea B sarà alla stazione Colosseo.
Alla stazione di Pigneto ci sarà lo scambio con la ferrovia regionale FR1 che collega l'aeroporto Leonardo da Vinci con Fara Sabina. A questo scopo verrà costruita anche la nuova stazione ferroviaria.

Currently under construction, the C line is intended to run from Grottarossa, north of the Vatican, to Pantano, previously the terminus of the Roma-Gardinetti tram line. The C line will be the first metro line to extend beyond the Comune of Rome. The C line will intersect with the A line at Ottaviano beside the Vatican and at San Giovanni, and with the B line at the Colosseum. It will also intersect with the planned D line at Piazza Venezia, creating a second metro hub in Rome.
Phase one of the C line is the furthest from the centre and is due to open in 2011 with 15 out of the planned 30 in service from Centocelle to Pantano. Phase two will extend the line to Piazza Lodi with a further 6 stations in service and is planned to open in 2012. The third and final phase which will complete the line is due to open in 2015.
Dates are obviously subject to change: Rome is one of the oldest cities in the world and the construction of the metro system has encountered considerable obstacles owing to the frequent archaeological discoveries. While the excavation of the metro tunnels themselves can be undertaken beneath the probable location of most archaeological finds, the excavation of stairways and air vents which of necessity have to connect to the surface, pose difficulty.
The trains that will work on the C line will be totally automatic, like the Copenhagen metro trains or those on the 14th line of the Paris Metro system.

LINEA D

Nel 2010 è previsto l'inizio dei lavori per la realizzazione di una quarta linea, che collegherà piazzale Agricoltura, nel quartiere Europa, con via Ugo Ojetti, nel quadrante nord-orientale.
La linea rientra nel Nuovo Piano Regolatore Generale di Roma e collegherà i quartieri Monte Sacro Alto, Monte Sacro e Salario a nord, il centro storico e a sud, i quartieri Trastevere, Ostiense, Portuense, ed Europa.
Il tracciato base prevede una lunghezza di 22 km con 21 stazioni, seguendo un percorso in parte parallelo alla linea B:
(da sud verso nord)
Agricoltura
EUR Magliana (incrocio con Metro B e ferrovia Roma-Lido))
Magliana Nuova
Roma Tre
Fermi
Trastevere (incrocio con ferrovie suburbane FR1 e FR3)
Nievo
Sonnino
Venezia (incrocio con Metro C)
San Silvestro
Spagna (incrocio con Metro A)
Fiume
Buenos Aires
Verbano
Vescovio
Salario (incrocio con ferrovia suburbana FR1)
Prati Fiscali
Jonio (incrocio Metro B1)
Adriatico
Talenti
Pugliese
Ojetti

In 2011, construction of the D line will begin. This line will link the northeastern areas of Rome with the EUR quarter. The lenght of the D line will be 22 km (13 mi) and it will feature 22 stations. It will intersect the A line at Spagna or Barberini, the B line and the Roma-Lido railway at Eur Magliana and Jonio, the C line at Venezia.
vedi anche / see also

home