COLOMBARI DI VIGNA CODINI

I tre colombari di Vigna Codini, tra il Parco degli Scipioni e le Mura Aureliane a ridosso di Porta Latina, in una zona in origine a carattere sepolcrale, oggi circondata da ville private con piscina, sono esempi eccellenti di questo tipo di costruzione, che trova diffusione quasi esclusiva a Roma tra l’età augustea e quella giulio-claudia.
I tre ambienti ipogei furono scavati alla metà circa dell’800 dal marchese campana e da Pietro Codini, che lasciò il suo nome ai monumenti.
Il colombario è un sepolcro collettivo nato per iniziativa privata e generalmente gestito da un collegio che si occupa dell’assegnazione e della compravendita dei posti. La maggior parte dei destinatari erano servi e liberti della casa imperiale o di importanti famiglie senatorie, che si potevano permettere le spese, piuttosto alte, di una tale sepoltura e che tenevano in gran conto il fatto di essere sepolti in quel determinato luogo, insieme ad altri esponenti della stessa familia servile. I colombari sono quindi strutture ipogee caratterizzate da alte pareti completamente invase da file regolari di piccole nicchie con all’interno le olle cinerarie e all’esterno una tabella dipinta o marmorea indicante il nome del defunto.
Il Primo Colombario consiste un una profonda camera quadrangolare, con un pilastro centrale che sostiene la copertura a volta. Tutte le pareti, persino quelle del pilastro, sono occupate dalle nicchie arcuate, per un totale di 500 loculi, molti dei quali conservano ancora la tabella con sopra dipinto o graffito il nome del defunto. Pitture di soggetto dionisiaco decorano le pareti del pilastro.
Il Secondo Colombario ha pianta quadrangolare, e ospitava fino a 300 loculi. L’ipogeo era decorato con pittura e stucchi policromi, resti dei quali, con tralci vegetali, maschere e corni potori, sono ancora visibili sulle pareti. In particolare, uno dei loculi è incorniciato da una piccola edicola realizzata in stucco policromo piuttosto raffinato. Sul pavimento è l’iscrizione in mosaico di dedica da parte di due membri del collegio funerario.
Il Terzo Colombario è il meno noto, ma anche il più ricco, probabilmente rivestito da lastre marmoree e pitture e dotato di mensole in travertino che sostenevano il soppalco di accesso alle nicchie superiori. La pianta ha forma di U ed il sepolcro era dotato anche di un ustrino, luogo ove avveniva la cremazione dei cadaveri. Si nota che i loculi sono più grandi del comune e generalmente di forma rettangolare, anziché semicircolare, e più numerosi sono le edicole e gli arcosolii, nonché le lastre marmoree indicanti il defunto. Un monito avverte il visitatore: «Ne tangito, o mortalis, revere Mane deos» (non toccare, o mortale, rispetta gli dei Mani!).

  Notizie Utili 

ORARIO

A richiesta

MEZZI DI TRASPORTO

- dalla stazione Termini: Autobus 218, 660 e 760

INDIRIZZO

I colombari di Vigna Codini si trovano: presso il Parco degli Scipioni, in via Latina, all’interno di proprietà privata

COSTO BIGLIETTI

EURO 2.07


PRENOTAZIONI VISITE GUIDATE 
E INFORMAZIONI

INDIVIDUALI
GRUPPI

Le visite guidate possono essere prenotate tramite:
Cooperativa IL SOGNO
Viale Regina Margherita, 192 - 00198 ROMA
Tel. 06/85.30.17.58 - Fax 06/85.30.17.56

Email: ilsogno@romeguide.it


MODALITA' DI PAGAMENTO PER LE VISITE GUIDATE

Si ricorda che la Cooperativa Sociale IL SOGNO a.r.l. O.N.L.U.S.  svolge un semplice servizio di acquisto biglietti conto terzi e di organizzazione di visite guidate. 


  Per informazioni e prenotazioni:

Cooperativa IL SOGNO
Viale Regina Margherita, 192 - 00198 ROMA
Tel. +39/06.85.30.17.58 - Fax +39/06.85.30.17.56
Email: ilsogno@romeguide.it