CASA DEI GRIFI AL PALATINO

La casa repubblicana rinvenuta all’inizio del Novecento sotto il larario della Domus Flavia sul Palatino rappresenta uno dei capisaldi dello studio dell’arte pittorica antica.
Purtroppo alcuni ambienti della casa sono perduti a causa delle fondazioni del palazzo imperiale che tagliano il livello antico, ma essa non doveva essere molto pi grande. Rimangono tre stanze principali con apertura su un atrio o sala da pranzo e quattro stanze interne, pi piccole, alle quali va aggiunto un altro ambiente recentemente scoperto, da interpretare come un vestibulum. La casa aveva due piani, ma solo l’inferiore ben conservato. L’analisi delle murature induce a datare la costruzione della domus alla prima met del II secolo a.C., mentre il ciclo pittorico riferibile agli anni tra la fine del II e l’inizio del I secolo a.C., con successive modificazioni sino in et neroniana.
Il nome della casa deriva da alcuni grifoni realizzati in stucco nella lunetta di uno degli ambienti principali. A sinistra della scala di accesso si entra in una stanza con soffitto a doppia volta: sulla parete una architettura   prospettica a colonne, che si stagliano su un fondo di pannelli imitanti lastre marmoree a cubi in prospettiva. L’unica parete affrescata della stanza immediatamente a sinistra delle scale imita un muro con incrostazioni marmoree policrome, mentre sul pavimento un motivo “a transenna”. Simile decorazione orna il cd. Grande Cubicolo, il pi conservato, con pavimento che ha al centro un quadrato con pietre e marmi colorati di cubi in prospettiva, seguendo un gusto molto presente a Pompei e nell’area campana. L’alcova del cubicolo conserva una sola decorazione pittorica con ricca edicola su podio e due colonne che sorreggono un architrave. Rimangono tracce degli stucchi con uccelli affrontati su fondo rosso. Anche l’ultima stanza ha un simile tentativo di illusione prospettica sulle pareti, ma il particolare pi importante rappresentato dalla decorazione in stucco della lunetta con due grifi affrontati, che danno il nome alla casa.
La decorazione della Casa dei Grifi il primo tentativo conosciuto di rappresentazione illusionistica dello spazio. Come abbiamo visto, L’ampliamento della prospettiva reso per mezzo di colonne dipinte che sembrano staccarsi dal fondo, secondo una tecnica tipica del cd. secondo stile pompeiano, senza tuttavia riuscire a liberarsi del tutto dal retaggio dello stile precedente, che imitava con stucco e pittura un muro a blocchi policromi.

  Notizie Utili 

ORARIO

VISITE PER SINGOLI 1° sabato del mese ore 10.30

VISITE PER GRUPPI orario: a scelta


MEZZI DI TRASPORTO

- Metro linea B stazione Colosseo oppure Autobus 175

INDIRIZZO

La Casa dei Grifi sita all’interno dell’Area Archeologica del Palatino

COSTO BIGLIETTI

EURO 6.20 (incluso ingresso al Palatino)


PRENOTAZIONI VISITE GUIDATE 
E INFORMAZIONI

INDIVIDUALI
GRUPPI

Le visite guidate possono essere prenotate tramite:
Cooperativa IL SOGNO
Viale Regina Margherita, 192 - 00198 ROMA
Tel. 06/85.30.17.58 - Fax 06/85.30.17.56

Email: service@romeguide.it


MODALITA' DI PAGAMENTO PER LE VISITE GUIDATE

Si ricorda che la Cooperativa Sociale IL SOGNO a.r.l. O.N.L.U.S.  svolge un semplice servizio di acquisto biglietti conto terzi e di organizzazione di visite guidate. 


  Per informazioni e prenotazioni:

Cooperativa IL SOGNO
Viale Regina Margherita, 192 - 00198 ROMA
Tel. +39/06.85.30.17.58 - Fax +39/06.85.30.17.56
Email: ilsogno@romeguide.it