Agenzia DOLCI SOGNI by Coop. Soc. IL SOGNO a r.l.
Autorizzato Prov. Roma R.U. 1333 del 02/04/2012
 
MODALITÁ DI PAGAMENTO

C5 per mille alla Coop. soc. Il Sogno
Corsi a Roma
Speed date a Roma
 
 

. Romeguide - La guida di Roma  
  telefono 06.85301758 - fax 06.85301756 - EmailEmail: ilsogno@romeguide.it
Coop. soc. IL SOGNO arl - Viale Regina Margherita 192 - 00198 ROMA
. la guida online piu' completa di Roma
DOVE DORMIRE divisore TOURS DI ROMA divisore MOSTRE divisore MUSICA divisore TEATRI divisore VATICANO divisore VISITE GUIDATE divisore SPECIALE GRUPPI
spazio
visite_guidate in Roma - eventi visite_guidateivi calcio tennis rugby maratona tutto lo visite_guidate di roma e provincia
VISITE GUIDATE
Monumenti
Palazzo Farnese

Per prenotazioni :


COOPERATIVA IL SOGNO
Viale Regina Margherita, 192 - 00198 ROMA
Tel. 06/85.30.17.58 Fax 06/85.30.17.56
Email: service@romeguide.it


INFO ONLINE

 

Opportunità straordinaria di visitare Palazzo Farnese, oggi sede dell' Ambasciata di Francia.

Il palazzo, detto "il dado" è da molti considerato il più imponente e bello di Roma.
Nel corso della visita ammireremo l'atrio di accesso del Sangallo, il cornicione realizzato da Michelangelo e la celebre Galleria che venne affrescata tra 1597 e il 1604 da Annibale Carracci.
Ammireremo inoltre il grande Salone che presenta un ricco soffitto a cassettoni, numerosi arazzi riproducenti gli affreschi raffaelleschi delle Stanze Vaticane e, ai lati del camino, le statue giacenti dell' Abbondanza e della Pace di Guglielmo Della Porta. L' attigua Sala dei Fasti Farnesiani fu decorata ad affresco da Francesco Salviati e dagli Zuccari.


ORARI
- lunedì alle 17.00
- mercoledì alle 15.00, 16.00
- venerdì alle 17.00

PREZZI
Costo della visita: 9 euro (ingresso + guida) + 3 euro (diritti di prenotazione)
Il venerdì alle 17.00 visita in lingua italiana estesa alla biblioteca EFR: 11 euro (ingresso + guida) + 3 euro (diritti di prenotazione)

PAGAMENTO ANTICIPATO
MODALITÁ DI PAGAMENTO

AL MOMENTO DELLA PRENOTAZIONE SARÁ NECESSARIO LASCIARE NOME, COGNOME, DATA E LUOGO DI NASCITA E NUMERO DI UN DOCUMENTO D'IDENTITÁ.
LA CONFERMA DELLA PRENOTAZIONE E' SUBORDINATA ALLA DISPONIBILITÁ DEI SISTEMI DI PRENOTAZIONE ON LINE DI PALAZZO FARNESE.
PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA DUE SETTIMANE PRIMA


Per prenotazioni:

PRENOTA ONLINE
(È OBBLIGATORIO SPECIFICARE NOME, COGNOME, DATA E LUOGO DI NASCITA DI OGNUNO DEI PARTECIPANTI E NUMERO DI UN DOCUMENTO D'IDENTITÁ)


COOP. IL SOGNO
Viale R.Margherita, 192 00198 - Rome (Italy)
Ph. +39/0685301758 Fax +39/0685301756
Email: service@romeguide.it



ATTENZIONE ! Palazzo Farnese è la sede diplomatica dell’Ambasciata di Francia a Roma, pertanto le visite si possono effettuare soltanto secondo le seguenti modalità:
- Le iscrizioni sono chiuse una settimana prima della data di visita e nessuna iscrizione viene presa in considerazione dopo questo termine.
- Il percorso può essere modificato per imperativi di servizio.
- In caso di cancellazione da parte dell’Ambasciata, sarà proposto o il rinvio della visita o il rimborso.
- Non sono ammessi i minori di età inferiore a 10 anni.
- Non è autorizzata l’interpretazione in altre lingue durante la visita

Il progetto originario del palazzo si deve ad Antonio da Sangallo il Giovane, per incarico del cardinale Alessandro Farnese (futuro papa Paolo III), che tra il 1495 e il 1512 aveva acquistato il palazzo Ferriz e altri edifici che sorgevano nell'area. I lavori, iniziati nel 1514, si interruppero per il sacco di Roma nel 1527 e furono ripresi nel 1541, dopo l'ascesa al papato del cardinal Farnese, con modifiche al progetto originario e ad opera dello stesso Sangallo. In particolare venne creata la piazza antistante.
Dopo la morte del Sangallo nel 1546, i lavori furono proseguiti sotto la direzione di Michelangelo: a lui sembra doversi il cornicione che delimita superiormente la facciata, il balcone sopra il portale centrale con il grande stemma e il completamento di gran parte del cortile interno. La morte del papa interruppe nuovamente i lavori nel 1549.
Altri lavori furono effettuati ad opera di Ruggero nipote del papa, tra il 1565 e la sua morte nel 1575, diretti dal Vignola. Infine a Giacomo della Porta, chiamato dal secondo cardinale Alessandro Farnese, altro nipote del papa, si deve la parte posteriore con la facciata verso il Tevere, completata nel 1589 e che avrebbe dovuto essere collegata con un ponte, mai realizzato, alla Villa Chigi (o "Farnesina"), acquistata nel 1580 sulla riva opposta.

Per la sua mole e forma il palazzo era chiamato "il dado dei Farnese" ed era considerato una delle "Quattro meraviglie di Roma", insieme a Il cembalo dei Borghese, a la Scala dei Caetani e a il Portone dei Carboniani.

Il palazzo prospetta su una piazza ornata di fontane, che riutilizzano bacini in granito provenienti dalle Terme di Caracalla. La facciata, in mattoni con cantonale in travertino (56 m di lato), si articola su tre piani. Le 13 finestre di ciascun piano presentano differenti decorazioni, e quelle del piano nobile sono coronate da frontoncini alternativamente curvilinei e triangolari.

I restauri condotti nel 2000 hanno evidenziato una decorazione ottenuta con l'uso di mattoni albasi (poco cotti, di colore giallo e particolarmente porosi) e ferraioli (molto cotti, di colore rosso e molto resistenti) in alcune parti della facciata e, in alcuni casi, anche con scialbature di colore. Tali decorazioni tuttavia seguono logiche diverse nella parte destra e in quella sinistra della facciata. Quest'ultima presenta una decorazione geometricamente definita a losanghe, Inoltre nei timpani delle finestre del piano nobile sono presenti degli intarsi floreali, sempre realizzati con mattoni bicromi. Tali mattoni bicromi sono utilizzati anche per l'ammorsatura delle finestre, che presenta una caratteristica apparecchiatura dentellata, presumibilmente per motivi strutturali. Queste decorazioni hanno lasciato supporre nel corso degli anni che la facciata in cortina splendidamente apparecchiata, tagliata e arrotata in opera, fosse fatta per essere lasciata a vista.

La parte destra della facciata è molto meno curata, le losanghe ben definite sono poche e buona parte dei ferraioli sono posti alla rinfusa nella parte alta del piano nobile, nei pressi del cantonale. Questa difformità sulla facciata di quello che è presumibilmente il palazzo gentilizio più importante della Roma rinascimentale ha invece suffragato l'ipotesi che la cortina andasse rivestita e che l'apparecchiatura perfettamente liscia e quasi monolitica avesse lo scopo di minimizzare lo spessore dell'intonaco in stucco di travertino, riducendolo a due o tre mani di scialbo in latte di calce. Quest'ipotesi è suffragata dal ritrovamento di tracce di scialbatura su altre importanti architetture dell'epoca, come ad esempio il Palazzo dei Conservatori di Michelangelo nel complesso del Campidoglio.

Si passa all'interno tramite un vestibolo a tre navate coperte da volta a botte e separate da colonne di ordine dorico in granito rosso.

La decorazione interna è particolarmente raffinata. La "Camera del Cardinale" era stata affrescata già nel 1547 da Daniele da Volterra (fregio superiore), mentre la "sala dei Fasti Farnesiani" fu dipinta da Francesco Salviati tra il 1552 ed il 1556 e completata da Taddeo Zuccari a partire dal 1563. Ad Annibale Carracci si devono gli affreschi nel "Camerino", realizzati nel 1595 e nella "Galleria" (20 m di lunghezza e 6 m di larghezza), con stucchi e dipinti mitologici realizzati insieme al fratello Agostino, tra il 1597 e il 1605: al centro della volta campeggia Il trionfo di Bacco e Arianna.

Nella sala di Ercole era conservata la statua dell'Ercole Farnese, attualmente al Museo Archeologico Nazionale di Napoli insieme a numerose altre sculture della collezione Farnese. Vi erano inoltre conservate le statue della Pietà e dell'Abbondanza, opera di Giacomo della Porta e destinate inizialmente alla tomba di Paolo III.

Piazza Farnese, 67
Roma
06/85301758