Agenzia DOLCI SOGNI by Coop. Soc. IL SOGNO a r.l.
Autorizzato Prov. Roma R.U. 1333 del 02/04/2012
 

Corsi
 
 
MODALITÁ DI PAGAMENTO

. Romeguide - La guida di Roma  
  telefono 06.85301758 - fax 06.85301756 - EmailEmail: ilsogno@romeguide.it
Coop. soc. IL SOGNO arl - Viale Regina Margherita 192 - 00198 ROMA
. la guida online piu' completa di Roma
HOTELS, B&B, ETC... divisore TOURS DI ROMA divisore MOSTRE divisore MUSICA divisore TEATRI divisore VATICANO divisore VISITE GUIDATE divisore SPECIALE GRUPPI
spazio

ROMA SOTTERRANEA Per informazioni e prenotazioni
Cooperativa "IL SOGNO"

Viale Regina Margherita, 192 - 00198 ROMA
Tel. +39.06.85301758 - Fax +39.06.85301756
Email: cpasogno@romeguide.it
VIA TRIUMPHALIS


VERIFICA DISPONIBILITÀ
Email:
Tel.(facoltativo):

*per avere anche conferma telefonica.
.
Data richiesta:
giorno
mese
anno
Adulti (+18) Bambini (0-17)

Richiedi altre informazioni

La prenotazione è soggetta a conferma

immagine
.

.



DESCRIZIONE GENERALE

La necropoli di Santa Rosa, che fa parte della necropoli romana della via Triumphalis, è una necropoli romana scoperta nel 2003 nella Città del Vaticano durante i lavori per la realizzazione del parcheggio di Santa Rosa.

Ha la particolarità di contenere soprattutto tombe della classe bassa (schiavi e liberti) ed è databile dal 23 a.C. al 337. Si è conservata grazie anche ad una frana della collina sovrastante che l'ha ricoperta.

Lo scavo, iniziato nel 2003 a seguito della costruzione del nuovo parcheggio, è stato restaurato ed aperto al pubblico dal 14 ottobre del 2006. L'area sepolcrale di Santa Rosa è l'ultimo settore scoperto della Necropoli che si estendeva su entrambi i lati della Via Triumphalis, linea di collegamento tra Roma e la città etrusca di Veio e così chiamata perché vi si celebravano i cortei trionfali. Non solo a Roma, ma in tutta l'Italia centrale, è l'unico esempio di necropoli in grado di fornire delle preziose indicazioni sull'intero spaccato della società romana dall'età augustea a quella di Costantino, dal I al IV secolod.C..

Accanto a tombe ricchissime, è stato rinvenuto un gran numero di sepolture al contrario poverissime, come quelle che occupano l'angolo sud-orientale dell'area, costituite da sepolture ad inumazione entro fosse individuali, risalenti al III sec. d.C. A questa tipologia appartiene la tomba di un bambino di circa un anno di età, inumato con un corredo di vasetti in ceramica e con un uovo di gallina nella mano destra, simbolo di nuova vita. La parte centrale dello scavo è occupata, invece, da sepolture semplici ad incinerazione entro urne di terracotta o forse di vimini o legno, a noi non pervenute, in quanto materiali organici facilmente deperibili.

Le olle in terracotta, così come le stele, le are, i vasi, i bruciatori di profumo, le lucerne, i mosaici, i sarcofagi, giacciono a terra, lì dove sono stati rinvenuti; la non decontestualizzazione dei corredi funebri, oltre ad essere di forte impatto emozionale per il visitatore, rappresenta una valida scelta conservativa che dovrebbe diventare prassi. Mentre di solito si visita l'area archeologica con l'annesso museo, dove vengono custoditi gli oggetti rinvenuti durante lo scavo, qui siamo di fronte alla creazione di una ?necropoli-museo?: gli oggetti più fragili sono stati portati nei laboratori dei Musei Vaticani, quindi restaurati e ricollocati nella loro posizione originaria, tranne quelli trovati fuori sede o musealizzati alle pareti per una loro più idonea conservazione. La non decontestualizzazione permette al pubblico una visione completa dell'area archeologica, ma è unasoluzione molto positiva anche per gli studiosi in quanto decontestualizzando, spesso si perde la memoria storica rispetto alla collocazione originaria; ne sono un esempio gli affreschi pompeiani staccati nel corso del Settecento, per i quali si è molto spesso persa l'indicazione sulla casa di provenienza: vi si risale, solo in alcuni casi, attraverso lunghe ricerche d'archivio ed assistiti da una buona dose di fortuna!

L'appellativo di ?piccola Pompei? accomuna concettualmente la Necropoli di Santa Rosa alle città vesuviane: così come ceneri e lapilli hanno sepolto le abitazioni pompeiane, preservandole dall'azione del tempo, frane di ghiaia ed argilla, verificatesi nel corso del II sec. d.C., hanno coperto le tombe di prima fase (fine I sec. d.C.- inizi II sec. d.C.), creando un terreno idoneo alla costruzione di quelle della seconda fase (prima metà III sec. d.C.- inizi IV sec. d.C.). Le tombe sigillate dalle frane sono in ottimo stato conservativo e riportano spesso integralmente i corredi funerari e le decorazioni. La conservazione del ricco patrimonio epigrafico fornisce delle preziose indicazioni sul mestiere dei defunti, tra cui è possibile individuare schiavi e liberti, postini, un "incitatore" di cavalli nelle gare circensi, uno scultore, un addetto alla scena del Teatro di Pompeo (famoso perché vi fu assassinato Giulio Cesare), ed ancora personaggi di ceto sociale più elevato, come un giovane cavaliere, probabilmente di fede cristiana. Sul suo sarcofago strigilato è infatti scolpita la figura di un orante, chiaro indizio di fede cristiana, sebbene nel III sec. d.C. non fosse ancora stato promulgato l'Editto di Costantino (313 d.C.) e con esso la libertà di culto, le persecuzioni cristiane si erano ormai placate e già comparivano più frequentemente simboli cristiani. Il sepolcro VIII, da cui proviene il sarcofago del cavaliere, è decorato da un prezioso pavimento musivo a tessere bianche e nere, raffigurante Dioniso-Bacco ebbro attorniato da amorini che vendemmiano, che ricorda l'iconografia paleocristiana del mosaico policromo della volta a botte del Mausoleo di S. Costanza, edificato a Roma nel IV secolo.

Il mosaico, come altri rinvenuti nella necropoli, è stato staccato, restaurato in laboratorio e riposizionato in situ; a causa della presenza di gravi avvallamenti e fratture, dovuti al peso dei sarcofagi presenti nell'edificio funerario, è stato necessario fornire il mosaico di un nuovo supporto, rispettando l'andamento originario della superficie. Interessante notare la zona di rifacimento con tessere di riempiego in corrispondenza della figura di Dioniso, a testimonianza di un antico quanto grossolano restauro. Alle pareti dello stesso edificio funerario, una tomba a camera destinata ad inumazioni sovrapposte, è conservata la traccia di un pavone affrescato, simbolo cristiano di immortalità. Ma la sepoltura più ricca è quella del colombario III (1), che conserva quasi interamente le belle decorazioni a stucco sulle pareti e sulla volta cassettonata. La vera ricchezza di questo sito archeologico è dunque da attribuire alla straordinaria varietà di tipologie di sepoltura ed alla loro alta concentrazione: circa 250 tombe in soli 500 mq, talmente vicine e sovrapposte le une alle altre che è difficile stabilirne i limiti. Proprio per questo motivo lo scavo ed i lavori di restauro, durati 3 anni, sono risultati molto complessi. Ora, per la conservazione di questa ?piccola Pompei cristiana? è necessario un programma di monitoraggio per valutare la risposta del luogo alla presenza del pubblico visitatore.

» MAGGIORI DETTAGLI «
 
RomeGuide: Alberghi e Hotel a Roma, Hotel Roma, Alberghi a Roma, Prenota albergo a Roma, Musei Vaticani, Prenotazione Hotel a Roma
Il giudizio degli utenti



Commenta
Non ci sono commenti per questo esercizio...

spazio