Agenzia DOLCI SOGNI by Coop. Soc. IL SOGNO a r.l.
Autorizzato Prov. Roma R.U. 1333 del 02/04/2012
 
MODALITÁ DI PAGAMENTO

C5 per mille alla Coop. soc. Il Sogno
Corsi online con Skype
Corsi a Roma
Visite guidate con permesso speciale Roma
Visite guidate serali A rOMA
 
 

. Romeguide - La guida di Roma  
  telefono 06.85301758 - fax 06.85301756 - EmailEmail: ilsogno@romeguide.it
Coop. soc. IL SOGNO arl - Viale Regina Margherita 192 - 00198 ROMA
. la guida online piu' completa di Roma
DOVE DORMIRE divisore TOURS DI ROMA divisore MOSTRE divisore MUSICA divisore TEATRI divisore VATICANO divisore VISITE GUIDATE divisore SPECIALE GRUPPI
spazio
TEATRI
spazio

SILVANO TOTI GLOBE THEATRE
Largo Aqua Felix (Piazza di Siena) - Villa Borghese

SONETTI D'AMORE Viaggio tra i più bei versi di William Shakespeare

dal 20/07/2019 al 22/09/2019

RICHIESTA INFORMAZIONI
Email:
Tel.(facoltativo):

*per avere anche conferma telefonica.
.
n. PaxData richiesta:

Richiedi altre informazioni

La prenotazione è soggetta a conferma


Call Center Coop. Soc. IL SOGNO a r.l.
Lunedì - Venerdì: ore 9-19
Sabato ore 10-14
Domenica chiuso

Per prenotazioni:
Cooperativa Sociale
IL SOGNO a.r.l.
Viale Regina Margherita, 192
00198 ROMA
Tel. 06.85301758
Fax 06.85301756
service@romeguide.it

Sonetti d'Amore. Viaggio tra i più bei versi di William Shakespeare al Globe Theatre Roma il 20, 21, 26, 27, 28 Luglio - 21 Settembre ore 18,30 - 22 Settembre ore 16,00. Regia di Melania Giglio Samuel Coleridge definì Shakespeare “An androgynous mind”, una mente androgina.In effetti, nessuno come lui ha saputo parlare d´amore accogliendo in sé il maschile e il femminile, la passione carnale e la sublimazione, la vita e la morte...
maggiori informazioni sull´evento

PREZZI BIGLIETTI
Posto unico € 13.00
N.B. PREZZI COMPRENSIVI DI COMMISSIONE DI AGENZIA


   INFO EVENTO:

Sonetti d'Amore. Viaggio tra i più bei versi di William Shakespeare al Globe Theatre Roma il 20, 21, 26, 27, 28 Luglio - 21 Settembre ore 18,30 - 22 Settembre ore 16,00.
Regia di Melania Giglio

Samuel Coleridge definì Shakespeare “An androgynous mind”, una mente androgina.In effetti, nessuno come lui ha saputo parlare d´amore accogliendo in sé il maschile e il femminile, la passione carnale e la sublimazione, la vita e la morte. Basti pensare al fatto che i primi 126 sonetti sono dedicati al fair youth, un giovane ambiguo e narciso di sesso maschile, con ogni probabilità identificabile con Henry Wriothesley, terzo conte di Southampton, patrono e mecenate di Shakespeare; mentre i sonetti dal 127 al 154 hanno come loro fulcro una misteriosa Dark Lady, quasi certamente la tenutaria di un bordello londinese frequentato dal Poeta.Qual è la natura dell´amore? Qual è il confine tra amore e amicizia?In che cosa differiscono l´amore passionale e quello ideale? Quando possiamo parlare di affinità elettive? Shakespeare nei suoi sonetti indaga tutti i possibili aspetti dell´amore. E l´amore stesso diviene così lo strumento d´eccellenza per conoscere se stessi, l´altro, il mondo, la poesia, la bellezza e la caducitàIl poeta è testimone instancabile di un mondo che non c'è più, una realtà costruita con dedizione, fede, potenza espressiva, serietà, competenza e valori indiscutibili. Nella stanza dell'immaginario del grande poeta ci si può anche smarrire. Là ci sono pochi oggetti, lo spazio è denso, percorso da sussurri e voci dimenticate, memorie di antiche interpretazioni, ombre in transito e riflessi di luce abbaglianti. Il poeta frequenta il futuro nella vita di ogni giorno, si batte per la verità, cade in deliquio, trema, sviene per un istante e in quell'istante elabora universi, sogna l'infinito e tenta di decifrarne la grammatica. Così è la scrittura di Shakespeare, scrittura “vivente”, tracciata nell'inconscio dei suoi interpreti. Così è la sua Poesia. Questo viaggiatore dell´illusione e del sogno parla una lingua di cristallo, si misura con ogni possibile realtà, con ogni forma di tradimento e, come dal fondo di un pozzo, si affanna a parlare a tutti gli uomini ancora “vivi”, ancora innamorati .... La stanza che ospita quest'uomo e le ombre che lo accompagnano, ha grandi pareti di fumo che soffrono dell´instabilità propria dei sogni e quindi mutano continuamente. Proprio perché è “strumento divino”, proprio perché dialoga con gli angeli, il Poeta non deve solo divertirci, ma ha la possibilità di aiutarci a ritrovare la nostra grazia, la nostra innocenza, a lungo vagheggiata e rimpianta, cancellata inesorabilmente dal cinismo e dalla superficialità della nostra vita quotidiana.
meno informazioni

spazio
Invia a MySpace!