Agenzia DOLCI SOGNI by Coop. Soc. IL SOGNO a r.l.
Autorizzato Prov. Roma R.U. 1333 del 02/04/2012
 
MODALITÁ DI PAGAMENTO

C5 per mille alla Coop. soc. Il Sogno
Corsi online con Skype
Corsi a Roma
Visite guidate con permesso speciale Roma
Visite guidate serali A rOMA
 
 

. Romeguide - La guida di Roma  
  telefono 06.85301758 - fax 06.85301756 - EmailEmail: ilsogno@romeguide.it
Coop. soc. IL SOGNO arl - Viale Regina Margherita 192 - 00198 ROMA
. la guida online piu' completa di Roma
DOVE DORMIRE divisore TOURS DI ROMA divisore MOSTRE divisore MUSICA divisore TEATRI divisore VATICANO divisore VISITE GUIDATE divisore SPECIALE GRUPPI
spazio
TEATRI
spazio

COMETA
Via del Teatro Marcello, 4

EXIT con Simona Marchini e Susy Del Giudice

dal 30/10/2019 al 10/11/2019

RICHIESTA INFORMAZIONI
Email:
Tel.(facoltativo):

*per avere anche conferma telefonica.
.
n. PaxData richiesta:

Richiedi altre informazioni

La prenotazione è soggetta a conferma


Call Center Coop. Soc. IL SOGNO a r.l.
Lunedì - Venerdì: ore 9-19
Sabato ore 10-14
Domenica chiuso

Per prenotazioni:
Cooperativa Sociale
IL SOGNO a.r.l.
Viale Regina Margherita, 192
00198 ROMA
Tel. 06.85301758
Fax 06.85301756
service@romeguide.it

EXIT(Grazie dei fiori) di Antonio Marfella e Giovanni Esposito con Simona Marchini e Susy Del Giudice regia Giovanni Esposito A Gattolino, un torrido e desolato paese, da un po´ di tempo comandano i topi. Attratti dal mangime di una vecchia colombaia abbandonata, i ratti hanno invaso strade e case, rosicchiato fili elettrici, condannando gli abitanti ad un'asfittica quotidianità vieppiù fiaccata da un rigido razionamento energetico...
maggiori informazioni sull´evento

PREZZI BIGLIETTI
Platea € 28.00       € 23.00
I Galleria € 23.00       € 21.00
II Galleria € 21.00       € 19.00


   INFO EVENTO:

EXIT
(Grazie dei fiori)

di Antonio Marfella e Giovanni Esposito

con Simona Marchini e Susy Del Giudice

regia Giovanni Esposito

A Gattolino, un torrido e desolato paese, da un po´ di tempo comandano i topi. Attratti dal mangime di una vecchia colombaia abbandonata, i ratti hanno invaso strade e case, rosicchiato fili elettrici, condannando gli abitanti ad un'asfittica quotidianità vieppiù fiaccata da un rigido razionamento energetico. È in tale deprimente semioscurità che agiscono Azu e sua madre. La prima, consumata da un dispettoso mal di vivere, colpevolizza sua madre per i propositi di suicidio che non riesce a portare a termine. La seconda, è ancora aggrappata al suo squillante passato da corista del teatro San Carlo, e si esercita ogni giorno in striduli vocalizzi nella fibrillante attesa d'una fantomatica reéntre. La loro vita è un goffo passo a due: sarcastico e grottesco, a volte. Malinconico e tragico, certe altre. La solitudine, i sogni non realizzati, le reciproche accuse, e la gabbia soffocante dell´incomunicabilità portano la madre e la figlia a sfidarsi a colpi di perfida ironia, in un melodramma che, inorridito dal presente, punta a cancellare il futuro. Il terrazzo di famiglia divenuto quasi una zattera sballottata in un mare incerto, è il palcoscenico estivo delle vivaci discussioni delle due donne, il luogo in cui la figlia pretende d'aver finalmente strappato alla madre la solenne promessa di suicidarla, si tratta solo di aspettare il momento buono, quello in cui tutto sarà pronto. Ma intanto, fra la delusione dell'una, di non essere mai stata la Callas, e la smania dell´altra, di farla finalmente finita con quell´inferno di vita, i giorni passano. Con l'illusione che il tempo sia da venire. Con la speranza che sia ormai finito.

meno informazioni
spazio
Invia a MySpace!