Agenzia DOLCI SOGNI by Coop. Soc. IL SOGNO a r.l.
Autorizzato Prov. Roma R.U. 1333 del 02/04/2012
 
TERMS OF PAYMENT

Hotels and Accomodations from 20 euro.
Booking online

or call +39 06 8530 1758
 
 

. Romeguide - La guida di Roma  
  telefono 06.85301758 - fax 06.85301756 - EmailEmail: ilsogno@romeguide.it
Coop. soc. IL SOGNO arl - Viale Regina Margherita 192 - 00198 ROMA
. the best guide of Rome
WHERE TO SLEEP divisore TOURS OF ROME divisore EXHIBITIONS divisore MUSIC divisore THEATER divisore VATICAN divisore GUIDED TOURS divisore SPECIAL GROUPS
spazio
I Beni Relazionali nella SocietĂ  Complessa con la Prof.ssa Ivana Padoan Consiglio Nazionale delle Ricerche - Sala Marconi, Piazzale Aldo Moro 7 - Romeguide: i migliori eventi a Roma
 
I Beni Relazionali nella SocietĂ  Complessa con la Prof.ssa Ivana Padoan
17/04/2019
Consiglio Nazionale delle Ricerche - Sala Marconi, Piazzale Aldo Moro 7 - Web page
Invia a MySpace!
I Beni Relazionali nella SocietĂ  Complessa con la Prof.ssa Ivana Padoan

I beni relazionali nella societĂ  complessa.

Con la partecipazione di Ivana Padoan dell'universitĂ  CĂ  Foscari di Venezia.

Il mito dell'individuo tipico della cultura della modernità ha dato forma e assicurato l’identità individuale negando totalmente il carattere fondamentalmente relazionale delle persone. Ricorrendo continuamente a slogan quotidiani martellanti del tipo “il futuro è nelle tue mani”, “tu sei padrone di te stesso”, “l'uomo che non deve chiedere mai” si nega totalmente il reciproco bisogno dell'altro per il proprio sviluppo e benessere di ognuno.
L’avvento della complessità ha destrutturato i paradigmi di soggettività, continuità, durata, sicurezza, progresso dell’identità moderna lasciando spazio alla relazione come dimensione primaria dell’esistere. La relazione è molto di più dell’io e del tu: la relazione è bene relazionale che contiene costruisce e mobilizza le nostre soggettività. Ciascuno di noi -sottolinea Bateson- è uno, più l’altro, più il mondo e ancora qualcosa di più: la struttura che connette. Vivere i beni relazionali è sapere di noi, del nostro esistere con…; è agire la potenza di cui siamo fatti -dice Spinoza. Solo riconoscendo la relazione come bene, sappiamo chi siamo e come possiamo agire nella società complessa.

La concezione dei beni relazionali, oggi considerata anche dagli economisti sociali, ha una lunga storia. E’ marcata dalla teoria del dono/contro dono di Mauss, forma di contratto sociale basato sulla reciprocazione. Si differenzia dal bene posizionale che conferisce utilità alle persone per lo status che creano, per la posizione relativa nella scala sociale che il loro consumo consente di occupare.

Il mito dell'individuo nega totalmente il carattere fondamentalmente relazionale delle persone. Tale mito ricorre continuamente a slogan quotidiani martellanti del tipo “il futuro è nelle tue mani”, “tu sei padrone di te stesso”, “l'uomo che non deve chiedere mai” eccetera. In questo mito si nega totalmente il reciproco bisogno dell'altro per il proprio sviluppo e benessere di ognuno.
Al contrario il bene relazionale da senso, legittimità, valore nell’interdipendenza dei processi che il divenire oggi veicola.
Perché la storia di ciascuno di noi, di ogni soggettività, è una storia di divenire. Siamo stati e siamo forme in continua transazione, transizione, trasformazione.
Ciascuno di noi -sottolinea Bateson- è uno, più l’altro, più il mondo e ancora qualcosa di più: la struttura che connette. Vivere i beni relazionali è sapere di noi, del nostro esistere con…; è agire la potenza di cui siamo fatti -dice Spinoza-.
Solo riconoscendo la relazione come bene, sappiamo chi siamo e come possiamo agire nella societĂ  complessa.


go to english version