Agenzia DOLCI SOGNI by Coop. Soc. IL SOGNO a r.l.
Autorizzato Prov. Roma R.U. 1333 del 02/04/2012
 
MODE DE PAIEMENT

Hot?is a partir de 20 euros.
Reserva on-line

ou ligue para +39 06 8530 1758
 
 

. Romeguide - La guida di Roma  
  telefono 06.85301758 - fax 06.85301756 - EmailEmail: ilsogno@romeguide.it
Coop. soc. IL SOGNO arl - Viale Regina Margherita 192 - 00198 ROMA
. le guide en ligne la plus complète de Rome
O√ɬĻ DORMIR divisore TOURS DE ROME divisore EXPOSITIONS divisore MUSIQUE divisore TH√ɬ©√ɬĘTRE divisore VATICAN divisore VISITES GUID√ɬ©ES divisore GROUPES SP√ɬ©CIALES
spazio
Musei di Roma
Museo di Zoologia Università degli Studi La Sapienza
Piazzale Valerio Massimo, 6
Téléphone:
WWW
Comment y:
INFORMATIONS GéNéRALES :

Musée :Museo di Zoologia Universit√† degli Studi La Sapienza
Type: MUS√ČE SCIENTIFIQUE
adresse : Piazzale Valerio Massimo, 6


Museo di Zoologia Università degli Studi La Sapienza Museo di Zoologia Università degli Studi La Sapienza Museo di Zoologia Università degli Studi La Sapienza Museo di Zoologia Università degli Studi La Sapienza
Museo di Zoologia Università degli Studi La Sapienza Museo di Zoologia Università degli Studi La Sapienza Museo di Zoologia Università degli Studi La Sapienza Museo di Zoologia Università degli Studi La Sapienza

Il Museo di Zoologia √® uno dei pi√Ļ antichi musei scientifici romani. 
La sua origine risale all'inizio del XIX secolo, con le collezioni zoologiche dell'Archiginnasio Pontificio, legate alla Cattedra di Storia Naturale e Mineralogia, istituita nel 1804 da Pio VII. 
Nel 1920 l'Istituto ed il Museo di Zoologia trovarono ospitalit√† presso le palazzine del Giardino Zoologico fino al 1927, anno in cui vennero trasferiti al Policlinico, nell'edificio di Patologia umana ed Anatomia patologica. 
Qui l'Istituto di Zoologia rimase "provvisoriamente" fino al 1971, quando ottenne sotto la direzione di Pasquale Pasquini (1901-1977), la sede definitiva di Viale dell'Universit√†. 
Le collezioni museologiche, in seguito ad una convenzione stipulata nel 1932 tra l'Universit√† e il Comune di Roma, andarono a costituire il Museo Civico di Zoologia (MCZR) presso il Giardino Zoologico. 
Qualche collezione, per lo pi√Ļ ad uso didattico, segu√¨ le sorti dell'Istituto di Zoologia, dove si andarono poi accumulando, a partire dagli anni '60, importanti raccolte zoologiche radunate durante i programmi di ricerche faunistiche, in Italia ed in vari paesi di vari continenti, condotte dai ricercatori dell'Istituto, oltre alle collezioni specialistiche dei ricercatori stessi. 
Nel 1977 fu sciolto l'Istituto Nazionale di Entomologia come ente inutile ed il suo patrimonio e la rivista Fragmenta entomologica passarono all'Istutito di Zoologia dell'Universit√†, che nel 1979 istitu√¨ la propria sezione Museo (MZUR). 
Dal 1984 l'Istituto di Zoologia, insieme con l'istituto di Anatomia Comparata e di Antropologia, costitu√¨ il Dipartimento di Biologia Animale e dell'Uomo (BAU). 

La sede principale del Museo di Zoologia √® quella situata a Piazzale Valerio Massimo, 6. 
Solo alcune collezioni, per lo pi√Ļ per scopi didattici, sono ancora conservate nelle sede dell'Istituto di Zoologia di Viale dell'Universit√†, 32. 
Tutte le collezioni zoologiche storiche del Museo universitario hanno costituito la base del Museo Civico di Zoologia , in Via Ulisse Aldovrandi, 18, dove sono tutt'ora collocate in seguito alla Convenzione stipulata nel 1932 tra l'Universit√† ed il Comune di Roma.  Con il rinnovo di questa convenzione, nel 2006, sono state li depositate altre importanti collezioni, di micromammiferi, anfibi e rettili. 
Il Museo di Zoologia quindi si √® trasformato dopo varie vicissitudini in una "Casa dell'insetto". 

Attualmente infatti la nuova sede museale di Piazzale Valerio Massimo, 6 ospita splendide collezioni di insetti, provenienti da tutto il mondo, e una ricca biblioteca specializzata di migliaia di volumi (dal XVIII secolo ad oggi) e oltre 800 periodici di cui circa 500 attivi.  Qui si trova anche la redazione del periodico Fragmenta entomologica ed √® sede di allestimenti espositivi temporanei. 
Questi locali ospitano quindi milioni di insetti, con centinaia di tipi (esemplari su cui si basano le descrizioni delle nuove specie), di notevole interesse. 
In pratica, si tratta di un grande "archivio" di insetti conservati in alcool o a secco, fragili, grandi e piccolissimi, con le forme pi√Ļ assurde ed i colori pi√Ļ incredibili, che viene continuamente utilizzato da tanti studiosi, specialisti di singoli gruppi, italiani e stranieri. 


MUSÉES Á ROME

 MUSEE ARCHEOLOGIQUE
 MUSEE D'ART
 MUS√ČE NATURALISTE
 MUS√ČE HISTORIQUE
 MUS√ČE SCIENTIFIQUE
 DIVERS


Cherchez un musée à Rome
Nom
Mot clé