Agenzia DOLCI SOGNI by Coop. Soc. IL SOGNO a r.l.
Autorizzato Prov. Roma R.U. 1333 del 02/04/2012
 
MODALITÁ DI PAGAMENTO

C5 per mille alla Coop. soc. Il Sogno
Corsi a Roma
Visite guidate con permesso speciale Roma
Visite guidate serali A rOMA
 
 

. Romeguide - La guida di Roma  
  telefono 06.85301758 - fax 06.85301756 - EmailEmail: ilsogno@romeguide.it
Coop. soc. IL SOGNO arl - Viale Regina Margherita 192 - 00198 ROMA
. la guida online piu' completa di Roma
DOVE DORMIRE divisore TOURS DI ROMA divisore MOSTRE divisore MUSICA divisore TEATRI divisore VATICANO divisore VISITE GUIDATE divisore SPECIALE GRUPPI
spazio
MOSTRE
Omaggio a Franco Gasparri, il principe dei fotoromanzi
Casa del Cinema
dal 24-05-2019 al 03-07-2019
spazio

ORARIO INGRESSO

COSTO D´INGRESSO


INGRESSO LIBERO


Omaggio a Franco Gasparri, il principe dei fotoromanzi: mostra gratuita alla Casa del Cinema dal 24 maggio al 3 luglio 2019.

Un ricordo per immagini di un modello di bellezza e di un protagonista del divismo popolare. Si apre il 24 maggio con un documentario della figlia Stella, infaticabile promotrice del lavoro del padre. Completano una trilogia di film “poliziotteschi” di Gasparri e una mostra con 150 scatti.

Al principe dei fotoromanzi, stella degli anni ’70, simbolo, ancora immutato, della bellezza maschile: bruno, capelli folti, mossi e lunghi, volto compreso se non accigliato, occhi verdi, profilo greco, lineamenti perfetti, è dedicato un articolato ricordo per immagini, ideato, portato a termine e sostenuto dalla famiglia e in particolare realizzato dalla figlia Stella, in occasione dei vent’anni dalla morte, in programma da venerdì 24 maggio alle ore 18 alla Casa del Cinema. Si tratta dell’attore Franco Gasparri, nato il 31 ottobre 1948 e morto paralizzato dopo vent’anni da un incidente con la sua fida Kawasaki 900 che in quell’occasione lo tradì rendendolo in carrozzella per il resto dei suoi giorni...

piĂą informazioni>>

 

 

ORARIO INGRESSO

COSTO D´INGRESSO

 

Info 06 423601 / 060608


DOVE SI TROVA:
COME ARRIVARE:

 

Ingresso libero

Vedi anche: Le mostre a Roma nella primavera 2019

   Info Evento:



La rievocazione prende il via alla Casa del Cinema con il documentario “Un volto tra la folla” realizzato appunto da una delle sue due figlie, Stella e prosegue dal 25 al 27 maggio, sempre alle 18 con le proiezioni di una trilogia cinematografica dell’epopea “poliziottesca” in voga in quegli anni, di cui è protagonista Franco Gasparri, che comprende una breve ma compiuta saga con “Mark il poliziotto”, “Mark il poliziotto spara per primo” e “La preda”.

Fa parte integrante del ricordo anche una Mostra fotografica anche questa composta dalla figlia Stella con il sostegno della famiglia, che sarà visibile lungo le pareti di accesso alla Sala Deluxe della Casa del Cinema fino al 3 luglio prossimo. Cento ritratti, 150 scatti, video, copie originali di fotoromanzi d’epoca. “Franco Gasparri – ricorda Stella – in quegli anni era una vera e propria star, un divo: ogni volta che usciva da casa veniva fermato dai fan per autografi e saluti che, pur rimanendo particolarmente riservato, non rifiutava a nessuno. Era amato per la sua bellezza ma anche per la sua semplicità. Cresciuto in una famiglia normale e senza grilli per la testa, la sua vita cambiò di colpo per l’incontro con un mezzo di comunicazione popolare e efficace tipicamente italiano: il fotoromanzo. Il successo indescrivibile di protagonista dei fotoromanzi lo fece passare al cinema dove ha interpetrato film oggi considerati di culto. La mostra documenta questo successo. La collezione si compone di scatti significativi di quei ruoli e partono dagli archivi della casa editrice Lancio, formidabile nella produzione di quel genere in quegli anni. Questo progetto esiste anche grazie all’ospitalità della Casa del Cinema; al Nuovo Imaie che lo ha finanziato, al Gruppo Mediaset e alla piattaforma Infinity che hanno concesso le proiezioni pubbliche e con altri piccoli sponsor amici e ad un tentativo di crowfunding tra le persone che hanno fatto donazioni”.

“Questo doveroso omaggio – rileva Giorgio Gosetti, direttore della Casa del Cinema – mancava. Testimonia invece uno stile di vita, una moda, un modello di attore di quegli anni: il bel tenebroso ma semplice che conquistava con le attese apparizioni settimanali attraverso le immagini dei fotoromanzi e con i poliziotteschi cinematografici platee intere di spettatori e soprattutto di spettatrici, dando vita a fenomeni di divismo popolare diretto e coinvolgente”.
Meno info